Jump to content

Progetto nuovo stadio Marassi


Austrodoriano
 Share

Recommended Posts

da il Secolo XIX

 

 

«Il progetto c’è e io l’ho visto».Finalmente non solo il sindaco di Genova Marco Bucci ma oggi, per la prima volta, tutti possiamo vedere come sarà il nuovo stadio Ferraris: è quello pubblicato sulla prima pagina del nostro giornale e qui sopra. Realizzato dall’architetto Hembert Penaranda dello studio “Officina Architetti”, il progetto di riqualificazione è una delle priorità dell’amministrazione comunale. «Le squadre devono farci un'offerta di qualche tipo - ha detto il sindaco - in ogni caso a fine 2024 decideremo: o lo fanno le squadre o lo facciamo noi». Ma il progetto realizzato da Penaranda è già il risultato della collaborazione di Genoa e Sampdoria con l’amministrazione. Una partnership che ha consentito di inserire il capoluogo ligure nel dossier che ha permesso alla Figc di aggiudicarsi Euro 2032 insieme alla Turchia. Per quanto riguarda il Genoa, la società è pronta a partire sin da subito come spiegato all’amministrazione comunale in un incontro che si è svolto meno di un mese fa. Il nuovo stadio è sempre stato al centro del progetto dei 777 Partners da quando hanno acquistato il club. Anche da parte della Sampdoria c’è la volontà di proseguire insieme questo cammino. La Samp, ovviamente, si è inserita in un momento successivo visto che la nuova proprietà si è insediata l’estate scorsa e l’omologa per il piano di ristrutturazione del club è arrivata a metà ottobre.

In ogni modo, è già convocato un incontro nelle prime due settimane di gennaio in cui le due società sportive incontreranno l’amministrazione. Si parlerà della convenzione che i due club dovranno sottoscrivere con il Comune, della durata e, soprattutto di come saranno suddivise le spese dell’intervento. Lo stadio è di proprietà del Comune ma a seconda della formula che sarà scelta per la gestione dell’impianto cambieranno le cifre che le due squadre dovranno investire. Anche perché il progetto di Penaranda ha un costo complessivo che oscilla tra i 60 e gli 80 milioni. Tra gli elementi che caratterizzeranno il restyling, le torri che diventeranno ancora più alte e l’ultimo piano della tribuna che sarà completamente di vetro con la creazione di oltre 3 mila metri quadrati di superficie da destinare agli skybox. La capienza aumenterà di poco e supererà quota 33 mila. Per ottenere questo risultato, le scalinate della tribuna saranno spostate sulla facciata per recuperare maggiore spazio. Gli interventi interesseranno anche le aree tra gradinate e tribuna e tra gradinate e distinti. Anche i quattro angoli della struttura saranno in vetro e potranno ospitare esercizi commerciali. Tra le ipotesi, anche l’apertura di un hotel all’interno dello stadio. I tempi di realizzazione non dovrebbero essere troppo lunghi: 4 anni durante i quali le squadre continueranno a giocare al Ferraris.

La road map è ancora in via di definizione ma c’è la volontà di far partire i lavori già nella stagione 2024/2025. La riqualificazione sarà divisa in due fasi. La prima dovrebbe concludersi a ridosso del 2026 mentre nei successivi tre anni – e quindi in anticipo rispetto al 2032 - si procederà al termine dei lavori. Si partirà dalla tribuna per poi intervenire progressivamente su distinti e gradinate. Il Ferraris, inoltre, sarà attrezzato con le più moderne tecnologie per farlo così rientrare nella categoria Uefa 4: si tratta del livello più alto che consente potenzialmente di ospitare anche finali di Champions ed Europa League. Per rispettare il dossier “green” che ha consentito alla Figc di aggiudicarsi Euro 2032, il Ferraris sarà dotato di impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili: sulla copertura è prevista l’installazione di pannelli fotovoltaici che contribuiranno al fabbisogno energetico dello stadio. Il progetto, comunque, è suscettibile di ulteriori modifiche, specialmente nella parte esterna. È in corso di valutazione, infatti, il percorso della Skymetro che passerà vicino allo stadio, proprio nei pressi del piazzale del Ferraris.

211659795-39835d9e-3a0d-4b48-8bc0-96cf185dd032.jpg.webp

Edited by cillo2461
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

22 minutes ago, Austrodoriano said:

da il Secolo XIX

 

 

«Il progetto c’è e io l’ho visto».Finalmente non solo il sindaco di Genova Marco Bucci ma oggi, per la prima volta, tutti possiamo vedere come sarà il nuovo stadio Ferraris: è quello pubblicato sulla prima pagina del nostro giornale e qui sopra. Realizzato dall’architetto Hembert Penaranda dello studio “Officina Architetti”, il progetto di riqualificazione è una delle priorità dell’amministrazione comunale. «Le squadre devono farci un'offerta di qualche tipo - ha detto il sindaco - in ogni caso a fine 2024 decideremo: o lo fanno le squadre o lo facciamo noi». Ma il progetto realizzato da Penaranda è già il risultato della collaborazione di Genoa e Sampdoria con l’amministrazione. Una partnership che ha consentito di inserire il capoluogo ligure nel dossier che ha permesso alla Figc di aggiudicarsi Euro 2032 insieme alla Turchia. Per quanto riguarda il Genoa, la società è pronta a partire sin da subito come spiegato all’amministrazione comunale in un incontro che si è svolto meno di un mese fa. Il nuovo stadio è sempre stato al centro del progetto dei 777 Partners da quando hanno acquistato il club. Anche da parte della Sampdoria c’è la volontà di proseguire insieme questo cammino. La Samp, ovviamente, si è inserita in un momento successivo visto che la nuova proprietà si è insediata l’estate scorsa e l’omologa per il piano di ristrutturazione del club è arrivata a metà ottobre.

In ogni modo, è già convocato un incontro nelle prime due settimane di gennaio in cui le due società sportive incontreranno l’amministrazione. Si parlerà della convenzione che i due club dovranno sottoscrivere con il Comune, della durata e, soprattutto di come saranno suddivise le spese dell’intervento. Lo stadio è di proprietà del Comune ma a seconda della formula che sarà scelta per la gestione dell’impianto cambieranno le cifre che le due squadre dovranno investire. Anche perché il progetto di Penaranda ha un costo complessivo che oscilla tra i 60 e gli 80 milioni. Tra gli elementi che caratterizzeranno il restyling, le torri che diventeranno ancora più alte e l’ultimo piano della tribuna che sarà completamente di vetro con la creazione di oltre 3 mila metri quadrati di superficie da destinare agli skybox. La capienza aumenterà di poco e supererà quota 33 mila. Per ottenere questo risultato, le scalinate della tribuna saranno spostate sulla facciata per recuperare maggiore spazio. Gli interventi interesseranno anche le aree tra gradinate e tribuna e tra gradinate e distinti. Anche i quattro angoli della struttura saranno in vetro e potranno ospitare esercizi commerciali. Tra le ipotesi, anche l’apertura di un hotel all’interno dello stadio. I tempi di realizzazione non dovrebbero essere troppo lunghi: 4 anni durante i quali le squadre continueranno a giocare al Ferraris.

La road map è ancora in via di definizione ma c’è la volontà di far partire i lavori già nella stagione 2024/2025. La riqualificazione sarà divisa in due fasi. La prima dovrebbe concludersi a ridosso del 2026 mentre nei successivi tre anni – e quindi in anticipo rispetto al 2032 - si procederà al termine dei lavori. Si partirà dalla tribuna per poi intervenire progressivamente su distinti e gradinate. Il Ferraris, inoltre, sarà attrezzato con le più moderne tecnologie per farlo così rientrare nella categoria Uefa 4: si tratta del livello più alto che consente potenzialmente di ospitare anche finali di Champions ed Europa League. Per rispettare il dossier “green” che ha consentito alla Figc di aggiudicarsi Euro 2032, il Ferraris sarà dotato di impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili: sulla copertura è prevista l’installazione di pannelli fotovoltaici che contribuiranno al fabbisogno energetico dello stadio. Il progetto, comunque, è suscettibile di ulteriori modifiche, specialmente nella parte esterna. È in corso di valutazione, infatti, il percorso della Skymetro che passerà vicino allo stadio, proprio nei pressi del piazzale del Ferraris.

211659795-39835d9e-3a0d-4b48-8bc0-96cf185dd032.jpg.webp

Speriamo che il progetto includa la creazione di cessi migliori di quelli di adesso, che farebbero anguscia anche agli inquilini delle carceri vicine allo stadio...

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Il 30/12/2023 at 21:15, Austrodoriano dice:

nel titolo del messaggio mi è partita una t invece che una d nella parola stadio, chiedo ai moderatori se possono correggere

Quanto mi dai ?

ps anche quell’ubriacone di Iagun ha scritto restyling alla cazzo :amico:

 

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

  • cillo2461 changed the title to Progetto nuovo stadio Marassi
  • 1 month later...

Comunicato stampa odierno della UC Sampdoria

Si è tenuto questa mattina a Palazzo Tursi un incontro tra Comune di Genova, U.C. Sampdoria e Genoa C.F.C. al fine di esaminare il progetto di ristrutturazione dello stadio “Ferraris” per uniformarlo alle norme in vista della selezione di UEFA Euro 2032.

«Siamo soddisfatti – ha commentato a margine Matteo Manfredi, azionista di riferimento della società blucerchiata -. La valorizzazione del “Ferraris” è un punto cardine del nostro investimento. Ringraziamo pertanto l’amministrazione per aver fattivamente contribuito a gettare le basi per la riqualificazione dell’impianto. Il tavolo di lavoro è aperto: abbiamo una tempistica sfidante ma di grande opportunità. Nelle prossime settimane impegneremo le nostre forze con l’obiettivo comune di arrivare quanto prima allo sviluppo e alla definizione di un progetto di fondamentale importanza, capace di soddisfare le esigenze non soltanto delle due squadre e della città ma soprattutto quelle dei nostri tifosi, sempre meritevoli delle attenzioni del club».

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

27 Marzo 2024

“Dalla riunione con i vertici di Merde e Sampdoria è emersa la chiara volontà di procedere con la riqualificazione del Ferraris, il progetto della ristrutturazione sarà presentato al Comune di Genova il 5 aprile, a presentarlo sarà una newco partecipata da entrambe le società”. Questa la dichiarazione del sindaco di Genova Marco Bucci al termine dell’incontro a palazzo Tursi incentrato sul futuro restyling dello stadio di Marassi.

Link to comment
Share on other sites

Domanda non retorica e ben conscio del fatto che a Genova un nuovo stadio non ci sta: nei maggiori 4 campionati europei (esclusa l'Italia) esistono squadre della massima categoria e della serie cadetta che condividono lo stadio?

Nel caso in cui La Roma, l'inter e il Milan costruissero davvero i loro stadi, potrebbe essere che Noi e le rumente rimarremmo le uniche due squadre nei campionati big d'Europa a condividere lo stadio?

Link to comment
Share on other sites

6 ore fa, Austrodoriano dice:

mi vengono in mente solo glasgow , manchester, lisbona ,liverpool , siviglia

Glasgow e Siviglia hanno (poco) più di 600 mila abitanti.

Campionato scozzese e portoghese (Lisbona) non paragonabili all'Italia.

Liverpool e Manchester invece molto simili a Genova,ma con una lega molto più ricca, attualmente.

 

 

Link to comment
Share on other sites

38 minuti fa, PotereBlucerchiato dice:

Liverpool e Manchester invece molto simili a Genova,ma con una lega molto più ricca, attualmente.

aggiungo che tutte città inglesi hanno meno di 600.000 abitanti; oltre a Londra solo Birmingham ha più di 1 milione di abitanti seguita da Leeds con 800.000, ma le contee metropolitane di Liverpool e Manchester sono molto popolate, un po' come tutta l'Inghilterra che è fatta da tantissime cittadine, paesi e villaggi

Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

così Matteo Angeli su Primocanile

 

Scaduto oggi ll secondo ultimatum che il sindaco di Genova Marco Bucci aveva dato a Genoa e Sampdoria per la costituzione di una società comune in grado in acquistare il Luigi Ferraris e poi dedicarsi alla sua ristrutturazione. Ma anche oggi i due club hanno chiesto ancora tempo per permettere ai rispettivi legali di sistemare tutti i dettagli. C'è chi invece fa sapere che non ci sarebbe l'intesa totale e che quindi al momento è difficile si trovi in tempo utile.

Dopo il primo rinvio del 5 aprile, che obiettivamente era una data difficile da rispettare, i club avevano inviato una pec che nella quale veniva spiegate i motivi del ritardo e chiedevano ulteriori 10 giorni scaduti ieri sera a mezzanotte.

Il sindaco Bucci che vuole provare a battere la concorrenza e far diventare il Ferraris uno degli stadi sede degli Europei del 2032, non si è ancora espresso ufficialmente ma da fonti vicine al Comune trapela la volontà di interloquire anche con altri soggetti. Sarebbero infatti già arrivate manifestazioni di interesse di altri soggetti con Genoa e Sampdoria che diventerebbero affittuarie. La telenovela continua.

Link to comment
Share on other sites

Parlando seriamente io sta cosa delle due società che si comprano lo stadio la considero una minchiata. E non perché schifo le merde ( cosa che è comunque ) ma perché non vedo il senso di investire in un bene che ti dovrebbe rappresentare e che dovrebbe quindi avere un aspetto conseguente , dovendolo dividere anche da questo punto di vista con i tuoi avversari. Voglio dire potrei trovarmi il settore di fronte con colori di merda, pazienza al derbi ma sempre anche no.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...