Jump to content

Punto rotta


boskov62
 Share

Recommended Posts

Ieri sera ho avuto il piacere di partecipare ad una riunione della federclub alla quale hanno partecipato come invitati due rappresentanti della società, il presidente Marco Lanna e Gianni Panconi. A parte l'attaccamento ai colori che è lo stesso identico a tutti quelli che erano seduti di fronte a loro, è stato interessante anche il contenuto delle risposte che ha dato, soprattutto il secondo, relativamente all'attuale situazione societaria.
Riassumo per punti:
- ci sono dei soggetti che hanno dimostrato molto più di un semplice interesse, sono ben identificati, e sono soggetti seri.
- il fatto di aver identificato solamente ora l'advisor non è un problema ma la scelta della banca Lazard è considerata ottima, in quanto anche chi deve acquistare è molto più sicuro se la cosa viene garantita dal nome che questa banca ha nel mondo. Della serie "sorprese non ne dovrei trovare".
- la situazione economica è difficile ma la società ha operato per avere come creditore solamente un istituto bancario e avendo avuto accesso ad un prestito in parte finanziato dallo stato, ha saldato tutti i debiti verso società terze. Questi erano molto più pericolosi in quanto eri nelle mani di soggetti che potevano anche farti fallire esigendo i loro crediti.
- una visione ottimistica della trattativa è ipotizzabile in circa 3 mesi. In tutte quelle seguite dallo stesso Panconi nel tempo, quelli erano i tempi. Solamente una ha avuto un tempo minore, un mese circa, è stato il Parma e si è visto come è finita.
- in ogni caso non illudiamoci di trovare un magnate che viva in prima persona come un innamorato. Non sono i tempi per questo e noi dobbiamo essere contenti perché il nostro innamorato lo abbiamo avuto. La cosa importante è che chi ci metterà i soldi lavori sempre per il meglio, detto questo sperare non costa nulla ma illudersi no.
- per quanto sopra, siamo nelle mani delle persone come Osti, Lanna che opereranno sul mercato. I ruoli chiave sono coperti e confermati (GP e staff in primis) e si va avanti come abbiamo terminato la stagione. Ci sono circa 17 prestiti importanti da gestire, della samp vs altri, vedremo se ci saranno rinnovi o rientri. Per il resto, si cercherà di pescare soggetti alla Sabiri in B o all'estero, per farli crescere. È una situazione simile a quando prendevamo i vari skriniar o Andersen o torreira e li valorizzavamo. Si cercherà anche di pescare in 1-2 i più interessanti della primavera per farli crescere in prima squadra.
- su Giovinco c'è stata una puntualuzzazione: è stato contattato il giorno dopo l'infortunio di Gabbiadini, il giorno dopo si è preso l'aereo (ha sottolineato a sue spese e senza certezze), ha viaggiato tutta la notte e arrivato si è fatto due allenamenti di fila in gruppo. Questo, senza avere una preparazione adeguata, purtroppo ha influito e da lì non lo abbiamo più visto. Secondo il pres. lo rivedremo in squadra al ritiro di inizio luglio (mia opinione, se sta bene è un valore aggiunto notevole).
- al momento stiamo rispettando i parametri dati dalla FIGC per l'iscrizione. Tra i tanti requisiti, è stato chiesto di installare un impianto antigelo sotto al manto erboso e questo ha fatto sì che ci fosse uno sfanculamento da parte ns. per l'assurdità della richiesta. Si sta trattando l'argomento.

Se mi viene in mente altro, aggiungerò 😁

  • Like 8
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

33 minuti fa, Erreci dice:

Bene e molte grazie però belin dalla FIR,anzi IRFU se ben ricordo, alla Federclub hai fatto un bel passo eh 

Sono multi task Robi, sabato ero a Marsiglia, ieri in federclub.... diciamo che due amori sportivi, la samp e il rugby. L'ideale sarebbe una samp di rugby 😁

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Nonostante il campionato sia andato come è andato, penso ancora che la rosa non sia così male. Probabilmente qualcuno venderemo, però se riusciamo a riequilibrare un po’ la squadra magari non servono nemmeno troppe palanche. Comunque bene che abbiano confermato Gp e i suoi, così hanno tutto il tempo per programmare e provare a fare un mercato mirato

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Il 3/6/2022 at 23:50, Austrodoriano dice:

Nonostante il campionato sia andato come è andato, penso ancora che la rosa non sia così male. Probabilmente qualcuno venderemo, però se riusciamo a riequilibrare un po’ la squadra magari non servono nemmeno troppe palanche. Comunque bene che abbiano confermato Gp e i suoi, così hanno tutto il tempo per programmare e provare a fare un mercato mirato

A parte il fatto che il campionato non è andato bene, ma benissimo e che ce lo ricorderemo per un bel pezzo visti i derby e il resto, direi che oggi ne sapremo di più, partendo dagli oltre 11 giocatori in prestito.

Ultimamente non mi pare abbiamo avuto tante scelte come questa estate, su attaccanti e centrocampisti.

Poi si può sempre migliorare ma il parco giocatori di proprietà "in prestito" mi pare raggiunga ampiamente i 15 milioni, vedremo.

 

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, mache dice:

A parte il fatto che il campionato non è andato bene, ma benissimo e che ce lo ricorderemo per un bel pezzo visti i derby e il resto, direi che oggi ne sapremo di più, partendo dagli oltre 11 giocatori in prestito.

Ultimamente non mi pare abbiamo avuto tante scelte come questa estate, su attaccanti e centrocampisti.

Poi si può sempre migliorare ma il parco giocatori di proprietà "in prestito" mi pare raggiunga ampiamente i 15 milioni, vedremo.

 

Sul fatto che alla fine della fiera si è rivelato un campionato con alcune grandi soddisfazioni non lo metto in dubbio.

Però non ci sono dubbi anche sul fatto che è stato un campionato di sofferenze, dove siamo stati vicini a scendere giù e per diversi motivi abbiamo giocato spesso in emergenza sia in attacco che in difesa. 

Cosa succede oggi?

Link to comment
Share on other sites

21 ore fa, Austrodoriano dice:

Sul fatto che alla fine della fiera si è rivelato un campionato con alcune grandi soddisfazioni non lo metto in dubbio.

Però non ci sono dubbi anche sul fatto che è stato un campionato di sofferenze, dove siamo stati vicini a scendere giù e per diversi motivi abbiamo giocato spesso in emergenza sia in attacco che in difesa. 

Cosa succede oggi?

Oggi succede che se hai culo e non ti si rompre Gabbiadini nel momento migliore e dopo il mercato, se Damsgaard non rientra a settembre, ed Ekdal ha problemi fisici, vai incontro a deficenze in parecchie partite.

Ma alla Sampdoria (che storicamente vale il 10 posto in serie A) può succedere soprattutto per come sono iniziate le ultime due stagioni, e se arrestano l'azionista di maggioranza a dicembre.

Ma ne siamo usciti BENE, anzi MEGLIO e oggi siamo in OTTIME mani.

Link to comment
Share on other sites

Però Austrodoriano non sbaglia a dire che è stato un campionato di grandissima sofferenza, ed aggiungo che una fetta consistente di noi ad un certo punto pensava di non farcela, nonostante quel tesoretto di punti di vantaggio

 

il fatto è che una squadra di media classifica come la Sampdoria può, in anni di congiunzioni astrali favorevoli, togliersi delle soddisfazioni e magari lambire la zona uefa; negli anni di congiunzioni astrali disgraziate, farsela nelle mutande sino all'ultimo e magari pure retrocedere, come accaduto alla Sampdoria di Enrico Mantovani e persino a quella - solidissima- di Riccardo Garrone

quest'anno sulla carta non eravamo da zona retrocessione, ma, per quanto è successo, c'erano tutte le premesse per scendere (gli infortuni gravissimi di Daamsgard e Gabbiadini, l'arresto di Ferrero e l'ovvio momentaneo vuoto di potere, la conseguente incertezza societaria, un allenatore che ad un certo punto ha perso la fiducia della squadra, e persino (per chi ci crede) l'idea che il 22 avrebbe potuto dar seguito al 66 , al 77, al 99, all'11)

 

non è andata così, ed anzi è finita trionfalmente, ed io sono moderatamente fiducioso sul fatto di non rischiare le coronarie anche il prossimo anno

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites

Posted (edited)

Sara' che sto diventando vecchio ma quest'anno l'ho sofferto come non mai. La lotta per non retrocedere passa ormai quasi sempre dal non perdere gli scontri diretti e noi la vita ce la siamo complicata a Gennaio con Cagliari e Spezia. Due pareggi e avremmo dormito sonni piu' tranquilli.

Sono convinto anche io che si possa fare una stagione piu' serena e credo che la cosa non dipenda necessariamente dal budget disponibile per il mercato.

Se dovessi dire la prima cosa che non mi e' piaciuta del terzultimo e dell'ultimo mercato estivo, o quanto meno e' quello che io ho percepito, e' stato il concentrarsi sul "colpo" e poco sull'intelaiatura e completamento della rosa ad iniziare dalle sue seconde linee. Non vorrei essere frainteso: avere in rosa un Candreva, un Gabbiadini, il Quagliarella di un paio di anni fa in questa Serie A fa tutta la differenza del mondo ma poi arriva l'anno piu' sfortunato in cui pronti via ti si infortuna un Damsgard e tu non hai un solo giocatore in rosa che abbia piena adattabalita' a quel ruolo (e comunque anche gli adattamenti portano via buoni cambi in altre zone del campo). Mi sembra normale che il buon colpo o il giocatore di buon livello possa arrivare l'ultimo giorno di mercato o che trovandosi con l'opportunita' di vendere qualcuno si rimedi all'ultimo momento ma il riempimento delle caselle definite dal progetto tecnico va programmato e gestito con i tempi giusti e ho la sensazione che in questo non siamo stati sempre impeccabili negli ultimi anni. Le stagioni serene passano anche dal mercato meno altisonante. Dagli Alex Ferrari per intenderci

 

 

Edited by Marlin
Link to comment
Share on other sites

Bè il mercato estivo è stato improntato unicamente al risparmio e al fare cassa, nessun tentativo di fare il colpo, ma solo di costruire una squadra su ciò che avevi vendendo il vendibile 

 

Link to comment
Share on other sites

Posted (edited)
35 minutes ago, Erreci said:

Bè il mercato estivo è stato improntato unicamente al risparmio e al fare cassa, nessun tentativo di fare il colpo, ma solo di costruire una squadra su ciò che avevi vendendo il vendibile 

 

Se vuoi il colpo dell'ultimo mercato, non so se voluto o meno, e' stato non vendere certi giocatori. Io Caputo l'ho ritenuto e lo ritengo ancora un buon colpo anche se come altri avrebbe potuto fare meglio. La formazione titolare era competitiva anche se non mi e' mai stato chiaro quale potesse essere il desiderata di D'Aversa in termini di modulo quando e' arrivato. Non capisco invece, a prescindere dalla prospettiva dei giocatori operazioni come il prestito del trio Dragusin, Ciervo e Ihattaren. E' giusto che ci sia spazio per le scomesse ma la nostra panchina a inizio stagione ne aveva qualcuna di troppo e ad un certo punto il nodo e' arrivato al pettine. Ho l'impressione che in quel caso per fare meglio non sarebbero necessariamente serviti tanti piu' soldi

Edited by Marlin
Link to comment
Share on other sites

D'aversa gioca notoriamente col 4 4 2 e quindi gli manca a un esterno sinistro avendo venduto Jankto. Caputo è arrivato all'ultimo secondo dopo il no di Petagna. I prestiti juve erano stati fatti con la speranza di prendere un premio di valorizzazione a fine anno. Di fatto non avendo fatto cassa con cessioni si è mantenuto un profilo basso che cmq senza infortuni avrebbe consentito un campionato tranquillo 

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

Posted (edited)

Si è tutto vero, la paura a me era venuta molto più a gennaio, che a marzo dopo aver visto le due partite di Gian e Paolo, Sassuolo e Empoli che hanno dato una gran fiducia dei nostri mezzi tecnici non vista sino a febbraio.

Poi il punto a Verona, il derby preparato come sempre bene da Gian (più che da Paolo) ed anche avere la Fiorentina in casa per potersela giocare ancora, insomma l'ho vissuta meglio.

Nel 2016 me la sono fatta sotto, perchè davvero ci siamo salvato SOLO per demerito del Carpi, Udinese che è retrocesso non so come a 38 punti, in gradinata la vittoria con la Lazio l'abbiamo vissuta davvero male.....ma anche con quei 3 punti, avevamo fatto cagarissimo con Palermo che era venuto a salvarsi a genova, non dico il derby e giuve : inermi, tramortiti.

Detto questo credo che almeno da noi, il 2 anno di Giampaolo offra garanzie tecniche adeguate nel gioco, partendo già da materiale buono e una ossatura di squadra che già c'è. Gabbiadini e Damsgaard al rientro, Sabiri, volendo Bonazzoli e vedremo come riescono a fare con Ekdal, e in difesa.  

De Luca è una idea, Yepes e Trimboli idem. Giordano è una scoperta. E siamo ancora ai primi di giugno.

Sono, come mi succede dal 1981, positivo e fiducioso per l'anno prossimo.

 

 

 

Edited by mache
Link to comment
Share on other sites

7 hours ago, Erreci said:

Tutto sommato io su Bonazzoli ho ancora molte perplessità, un attacco von lui Gabbiadini Quagliarella e un giovane confesso che non mi renderebbe sereno

La penso anche io cosi’ ma alla fine il giudizio non e’ assoluto ma relativo alle eventuali alternative sul piatto . Se guardo  la sola serie a non esplode di punte che siano ragionevolmente alla nostra portata nettamente meglio di lui.  Fra lui e Caputo comunque sceglierei di tenermi il secondo

Edited by Marlin
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...