Jump to content

ot....città segrete


frenk7
 Share

Recommended Posts

non c'entra nulla con il calcio, ma cmq è sempre legato alla Samp...sto vedendo il programma su rai tre, città segrete e stasera parlano di Genova....che città stupenda avete, davvero piena di storia, arte, cultura, musica.....bella bella...vi invidio

Link to comment
Share on other sites

11 ore fa, frenk7 dice:

non c'entra nulla con il calcio, ma cmq è sempre legato alla Samp...sto vedendo il programma su rai tre, città segrete e stasera parlano di Genova....che città stupenda avete, davvero piena di storia, arte, cultura, musica.....bella bella...vi invidio

visto anch'io e come al solito Augias non mi ha deluso: si è forse dilungato un po' troppo su De Andrè e ha così sottrato tempo alla scuola dei cantautori, bene tutto il resto cmpreso il ritratto di Moana. Andrea Doria, Mazzini, Mameli, Bixio, Guido Rossa, De Andrè e i cantatutori, Villaggio, Moana Pozzi ....  e  tra i visitatori illustri chi si è invaghito di Genova oltre a Petrarca: Rubens, Byron, Mery Shelley, Dickens; Cechov ..... sarà un caso che fossero tutti personaggi estremi, innvatori, distanti dagli schemi del loro tempo? 
Augias, che ben conosce Genova avendo collaborato con Ivo Chiesa e Marco Sciaccaluga nel periodo d'oro alla conduzione del Teatro Stabile, non ha toccato  il tema tanto trito e ritrito dell'avarizia quanto non veritiero e ha fatto bene, ma volendo avrebbe potuto citare ad esempio che: l'Istituto Pediatrico Giannina Gaslini è frutto di una donazione, così come lo è l'Ospedale Galliera donato alla città dalla Duchessa Maria Brignole Sale (per la precisione furono tre gli enti ospdalieri donati: il S. Andrea Apostolo, in Carignano, di 300 letti per poveri infermi; quello di S. Filippo, nel quartiere di S. Bartolomeo degli Armeni, con 36 letti, per fanciulli; quello di S. Raffaele, sull'altura di Coronata, con 150 letti, di cui il primo e l'ultimo sono ancor oggi in uso). Sempre in ambito ospedaliero poi troviamo numerosi padiglioni dell'Ospedale San Martino, i nomi dei donatori son visibili anco oggi sulle facciate. Tra parenti diretti e acquisiti non liguri ho diversi esempi di tirchieria, alcuni che rappresnetano esempi estremi, e vi posso assicurare che il più spendaccione sono io. 

Infine così come l'utente Galway ha suggerito la lettura del libro di Risi, mi permetto anch'io di suggerirvi la lettura del libro di Augias I segreti di Roma: lettura interessante che potrà dar spunto per visitare Roma in un modo un po' diverso dalle solite guide turistiche. 

PS: sull'accoglienza al di là delle battute, basta dire che Genova è una città di mare da sempre con un grande porto e come tale è abituata a accogliere e ad aver a che fare con genti di tutto il mondo. In verità ci stanno un po' sulle balle i bauscia milanesi, ma solo quelli di genere  maschile eh  .....😉

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Bellissima la trasmissione e, come sempre quando si parla di Genova, sono rimasto incollato alla tv anzi, questa sera la rivedremo con i bambini che ieri erano stanchi ma che erano interessatissimi a vedere la loro città alla tv e di "toccare con mano" che "sta dicendo proprio come ci hai detto tu, papà!" che non può che rendermi orgoglioso.

Non me ne voglia Erreci ma avrei saltato Moana e ridotto di parecchio la parte di Villaggio.

Il programma è stato ben fatto e piacevole anche nei suoi salti temporali e di genere anche se per raccontare Genova ci sarebbe voluta una serie di 10 puntate ciononostante. Fincantieri, Ansaldo, triangolo industriale, porto, Balilla, centro storico, cucina, Govi, traffici, emigrazione, forti, acquario, Renzo Piano, teatri, comicità..............

Ps a me poco chiari i lunghi approfondimenti su alcuni personaggi certamente di peso ma non in così stretta relazione con la Città o le lunghe digressioni per...ma capisco che altrimenti si sarebbe trattato di un mero elenco di eventi e personaggi 

Link to comment
Share on other sites

Avendo visto letto i suoi libri sulle cittá segrete di Roma Parigi Londra e Istanbul non penso che l'idea di Augias sia quella di fare una cartolina, ma di tracciare un quadro diverso da quel che ci di aspetta.

I personaggi trattati hanno tutti un comun denominatore: ribelli,  innovatori  e fuori dagli schemi dei loro tempi ..... e scusate se è poco

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...