Jump to content

Giochiamo con le figu


labbrodinovisad
 Share

Recommended Posts

3 ore fa, Erreci dice:

Manciniani e Vialliani si combatterono a lungo sugli spalti di distinti e tribune. Nel mio periodo di tribuno superiore ero come una fetta di salame in un panino: di qua un Vialliano,  di là un manciniano ..... liti furibonde senza esclusione di colpi proibiti. Confesso che in talune occasioni il mio lato blasfemo prevalse sul mio lato english e  il mio ben conosciuto aplomb " xvfuchfufuv adesso  mi avete rotto il cazzo bohogogjgvi" 

Io son sempre stato viallianmanciniano con un occhio di riguardo  verso la componente Viallica 

Io mancinivialliano (anche se sarei stato un ipotetico pinolorenziano se solo avesse avuto almeno un piede umano invece di due blocchi di cemento, già da allora alla ricerca del fantomatico centravanti di peso quasi sempre delusa nella Samp).

Link to comment
Share on other sites

È cmq una scelta difficile... Io ho votato il mancio perché diciamo ho ricordi più di lui... Però quando vedo vialli gol machine con quello stacco contro il Napoli o che strappa quel pallone dalle mani di de wilde... Il cuore sobbalza...

Cmq questa iniziativa è davvero bella, perché penso che ci siamo cresciuti con le figurine... Ed i pacchi di figurine portate a scuola e le ore passate a giocare a numero e a scivolo ( tirare una figurina sull'altra) e chi se li scorda... Che bei ricordi 

Link to comment
Share on other sites

Io ho votato Vialli perché Mancini è un uomo di merda. Peccato perché ha ogni record della nostra storia, peccato perché in un tempo lontano era criticatissimo, e ci sballavamo a difenderlo. Ma ha scientemente fatto il male della Sampdoria e questo sul piatto della bilancia per me conta

E comunque con Vialli la Sampdoria ha vinto quasi tutto ciò che c'era da vincere. È uno dei nostri capocannonieri, con Brighenti e Quagliarella, e per un po' è stato anche la punta di diamante della nazionale. Non è che eventualmente premieremmo Jurcic o Tricarico 

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

8 ore fa, labbrodinovisad dice:

Io ho votato Vialli perché Mancini è un uomo di merda. Peccato perché .... Non è che eventualmente premieremmo Jurcic o Tricarico 

e nemanco Iacopino. 

 

Ps: e Cucchiaroni che fine ha fatto?

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Gianla dice:

al netto di tutto è il giocatore più iconico della nostra storia 

(Io non ho votato più da quando è uscito Pozzi vs Pazzini)

Vero

Per questo il suo comportamento è stato ancora più infame che se l'avesse posto in essere chiunque altro 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, Gianla dice:

al netto di tutto è il giocatore più iconico della nostra storia 

(Io non ho votato più da quando è uscito Pozzi vs Pazzini)

Dipende se sei Manciniano o Vialli sta

di certo è stato e resterà un giocatore che ha lasciato un segno indelebile nella storia dell'UC SAMPDORIA, ma come lui pure Vialli nello stesso identico modo con in più il non aver lasciato dietro di sé nessun spunto polemico o vicende criticabili. I gemelli del gol resteranno per sempre nella memoria dei Sampdoriani rappresentanti di quella Sampdoro che ci fece sognare. Ma per noi anziani di tifo vi sono altri giocatori che hanno lasciato un segno indelebile e hanno rappresentato un'icona della Sampdoria. Nella mia hall of fame figurano giocatori degli anni 70, ma anche degli anni 60 che ammetto di non aver visto giocare.  Bernasconi fu quello che mi fece diventare sampdoriano, Mora quello che per primo mi affascinó, Salvi il mio amore e l'anima di quella Sampdoria e poi l'ammirazione per Suarez, il rispetto e il sentimento di amicizia per Lodetti, l'affetto per Ermanno. Ogni tempo e ogni età hanno le proprie icone e quelle più lontane son quelle che ricordi co  più piacere e pure con un poco di commozione. 

 

Ps: Chiorri non l'ho scordato, proprio non mi è mai piaciuto, così come non mi piace chi spreca il proprio talento e le proprie capacità 

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

Non riesco nemmeno più a vederlo nelle pubblicità o nelle interviste. 

Ma Roberto Mancini per me ragazzino era un misto tra Superman, Gesù Cristo e James Dean .

Ho tifato contro Baggio tutta la mia vita. Ho tifato contro la Nazionale del 94, lo ammetto. 

Me ne vergogno un po', ma lo ammetto

Perchè io volevo solo Roberto Mancini e tutti gli altri erano usurpatori.

Voglio bene a Gianluca , ma per me Roberto Mancini era (e poi ho capito che non farò mai più un errore del genere) la Sampdoria. Gianluca è la ragazza a cui vuoi bene perchè è bella e brava, perfetta. Roberto Mancini era quella che ti fa uscire di testa e non ti fa dormire la notte e che ti fa girare come una trottola.

Avevo 14 anni quando abbiamo vinto lo scudetto e non avevo altro Dio all'infuori di Roberto Mancini.

MI ha squarciato il cuore, poi nella vita ho capito che i dolori e i problemi sono ben altri.

 

Non ho partecipato a questo gioco , ma se dovessi scegliere un giocatore continuerei a scegliere lui.

Se dovessi scegliere un uomo no.

 

 

 

  • Like 6
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

condivido il pensiero di galway...mancini è stato, almeno per quelli adolescenti negli anni novanta, cmq un icona , la sua era la maglia più ricercata...poi è andata cm è andata...ed amen...cm giocatore è difficile non scegliere lui

Link to comment
Share on other sites

Da mancinvialliano con spiccate tendenze vialliche comprendo le simpatie per Mancini dei giovani Sampdoriani: un 35enne di Vialli in blucerchiato ha ricordi sbiaditissimi se non nulli, Vialli smise  il blucerchiato nel 1992, mentre di Mancini è più probabile che abbia visto e vissuto qualcosa di lui. Un ventenne o un teenager di visto e vissuto di loro ne ha poi tanto quanto un genuota dei suoi finti tricolori. 

Ps: di figli di Sampdoriani di nome Gianluca è piena l'anagrafe comunale  ..... 

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

5 ore fa, Erreci dice:

Dipende se sei Manciniano o Vialli sta

di certo è stato e resterà un giocatore che ha lasciato un segno indelebile nella storia dell'UC SAMPDORIA, ma come lui pure Vialli nello stesso identico modo con in più il non aver lasciato dietro di sé nessun spunto polemico o vicende criticabili. I gemelli del gol resteranno per sempre nella memoria dei Sampdoriani rappresentanti di quella Sampdoro che ci fece sognare. Ma per noi anziani di tifo vi sono altri giocatori che hanno lasciato un segno indelebile e hanno rappresentato un'icona della Sampdoria. Nella mia hall of fame figurano giocatori degli anni 70, ma anche degli anni 60 che ammetto di non aver visto giocare.  Bernasconi fu quello che mi fece diventare sampdoriano, Mora quello che per primo mi affascinó, Salvi il mio amore e l'anima di quella Sampdoria e poi l'ammirazione per Suarez, il rispetto e il sentimento di amicizia per Lodetti, l'affetto per Ermanno. Ogni tempo e ogni età hanno le proprie icone e quelle più lontane son quelle che ricordi co  più piacere e pure con un poco di commozione. 

 

Ps: Chiorri non l'ho scordato, proprio non mi è mai piaciuto, così come non mi piace chi spreca il proprio talento e le proprie capacità 

Si si ma su questo non ci piove. 
Io provo le stesse cose (in piccolo) che dice Galway, ma per Cassano. Ho ricordi che rivivo con piacere di un sacco di giocatori, da Flachi a Mirko Conte, passando per DelVecchio e Gastaldello ecc.
Quello che dicevo io è che per chiunque guardi alla Sampdoria, anche e soprattutto chi è più fuori rispetto a noi tifosi, i primi che vengono in mente sono Mancini e Vialli, il primo di più soltanto per una questione di presenze con questa maglia.

3 ore fa, Erreci dice:

Ps: di figli di Sampdoriani di nome Gianluca è piena l'anagrafe comunale  ..... 

:pistorius:

Link to comment
Share on other sites

7 minuti fa, labbrodinovisad dice:

io amavo Mancini quando dei due gemelli era quello immaturo, incompleto, il bambino viziato, BobbyNongol, in primis per tantissimi sampdoriani, oltre che per i giornali locali

questo è il Mancini dei primi anni '80, diciamo sino all'arrivo di Vialli, suo angelo custode salvatore. Ma di questo Mancini i trentenni di oggi non sanno un belino, non hanno visto gli scracchi che volavano dai distinti nei suoi confronti, gli insulti che si libravano liberi nel cielo della tribuna: odio e amore, amore e odio, questi i sentimenti che suscitava Bobbygol, mentre Gianluca era il bravo ragazzo della porta accanto, quello che le nonne dicevano mia che bravu figgeu, mai un insulto verso di lui, tanta comprensione e tanto amore -Ho  già firmato per chi hai firmato? PER NOI -, anche quando si trasferì alla Juve, con lui che piangeva e molti di noi che piangevano assieme a lui (mi ci metto pure io tra i lacrimosi). 
Chi c'era ricorderà quel Sampdoria Inter - forse l'inizio della fine? - con Mancio che giustamente s'incazza con Pagliuca e quel merda di arbitro: si sente profondamente offeso di essere considerato un simulatore e si sente tradito da Pagliuca, ex compagno, anche se mai amico; la rabbia prende corpo sempre più, un cartellino giallo, lui che si litiga col mondo intero, i compagni che tentano di calmarlo, si riprende a giocare e lui sbrocca definitivamente e a metà campo sotto gli occhi dell'arbitro scalcia un avversario - chi era? boh -, l'arbitro estrae il cartellino ed è rosso. rosso come la vergogna. Ricordo perfettamente Invernizzi che gli va incontro minaccioso e incazzatissimo e gli urla TESTA DI CAZZO, gli si legge il labiale ma quasi lo sentimmo dalla tribuna superiore TESTA DI CAZZO CI LASCI IN 10.
Amore e odio, essere nel giusto e passare contestualmente dalla parte del torto, rosso e nero, odio e amore: questo è stato Roberto Mancini detto Bobbygol, Mancio per tutti noi. 

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites

Forse ricordo male ma nell'occasione non scalciò nessuno, disse all'arbitro quello che pensava e si beccò il rosso diretto, con Invernizzi che gli urlò di tutto

Fu grande il rimpianto di Eriksson per non averlo sostituito subito dopo l'ammonizione per simulazione perchè in effetti quello fu l'inizio della fine 

Edited by Daitarn
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Nessuna entrata.. rosso diretto e sei giornate di squalifica per aver detto di tutto a quel simpaticone di nicchi

Comunque molto tempo dopo disse che non era incazzato perché non gli diede il rigore quanto perché l'arbitro fece 50 metri di corsa per ammonirlo per simulazione quando in realtà non aveva visto assolutamente niente

Sbagliò l'arbitro, sbagliò lui, sbagliò Eriksson e come al solito sbagliò Pagliuca

 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

6 ore fa, labbrodinovisad dice:

io amavo Mancini quando dei due gemelli era quello immaturo, incompleto, il bambino viziato, BobbyNongol, in primis per tantissimi sampdoriani, oltre che per i giornali locali

ahhh, ti piacciono i ragazzacci eh... golosone 😋

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Aggiungo una riflessione. 

Dopo l'episodio di Nicchi, autunno 1995, ben raccontato sopra, Mancini fu dul punto di lasciare la Sampdoria (mi sembra che il tutto avvenne durante una tournée in Inghilterra), ma non andò. 

Stessa cosa avvenne, autunno 1996, per altre ragioni, dopo Doria Piacenza. 

In entrambe le occasioni fu, da un punto di vista sportivo ed emotivo, un grande sollievo, misto a sorpresa. 

Quasi le stesse sensazioni del 31 gennaio 2010, quando Cassano, quasi a sorpresa rimase alla Sampdoria dopo tutto il casino cin Delneri. 

Alla fine nel 95-96 sfiorammo uefa con grande rimonta e grande calcio sfumata nel 2a2 a Vicenza (Mihajlovic libero, Chiesa bomber, Franceschetti a centrocampo, juve battuta 2 volte, vittorie con Inter e Milan). 

Nel 96-97 arrivammo in Uefa, e per qualche domenica ci giocammo quasi il campionato (2 vittorie a san siro, Veron, Montellla...) 

Nel 2009-10 arrivammo in Champions (Storari, Pazzini....) 

Furono 3 bei campionati ma quelle 2 teste di minchia, se pur i più grandi giocatori, parlo di tecnica, che abbia mai visto, in molti modi furono divisivi e diedero il la a 2 disastri sportivi da veri asini,che lasciarono molti strascichi anche fra i tifosi, (sopratutto il 10 di Jesi, visti i 15 anni di militanza contro i 4 del barese) e che costarono molto alla Sampdoria (in tutti i sensi). 

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites

mamma mia che ricordi...nel 95 -96 battemmo la juve due volte..andata con una formazione super rimaneggiata con una doppietta pazzesca di chiesa ed al ritorno un 3-0....con chiesa, balleri e seedorf...poi rifilammo anche un 3-0 al milan campione di italia...mancini chiesa era la coppia gol forse più bella del campionato..l'anno dopo le due vittorie a san siro furono rocambolesche ed incredibili, quella col milan soprattutto perchè giocammo quasi tutta la partita in dieci ed in rimonta, e poi una carambola pazzesca sulla linea tra balleri e dieng mi sembra...eravamo secondi a due punti dalla juve , poi la domenica successiva perdemmo con la roma di carlos bianchi in casa e svanì il sogno scudetto...cmq era una samp che girava a mille...forse siamo stati l'attacco migliore con montella vice capocannoniere con 22 gol e mancini che segnò 15 gol...poi diverse partite con goleade...ricordo 5 gol a udine con tripletta del mancio, un 5 a 2 al perugia con gol stratosferico di veron al volo da calcio d'angolo....un 4 a 3 a cagliari con gol finale di iacopino...porca eva, mi prende a male , le ricordo come se fosse ora quelle partite....

41 minuti fa, PotereBlucerchiato dice:

Aggiungo una riflessione. 

Dopo l'episodio di Nicchi, autunno 1995, ben raccontato sopra, Mancini fu dul punto di lasciare la Sampdoria (mi sembra che il tutto avvenne durante una tournée in Inghilterra), ma non andò. 

Stessa cosa avvenne, autunno 1996, per altre ragioni, dopo Doria Piacenza. 

In entrambe le occasioni fu, da un punto di vista sportivo ed emotivo, un grande sollievo, misto a sorpresa. 

Quasi le stesse sensazioni del 31 gennaio 2010, quando Cassano, quasi a sorpresa rimase alla Sampdoria dopo tutto il casino cin Delneri. 

Alla fine nel 95-96 sfiorammo uefa con grande rimonta e grande calcio sfumata nel 2a2 a Vicenza (Mihajlovic libero, Chiesa bomber, Franceschetti a centrocampo, juve battuta 2 volte, vittorie con Inter e Milan). 

Nel 96-97 arrivammo in Uefa, e per qualche domenica ci giocammo quasi il campionato (2 vittorie a san siro, Veron, Montellla...) 

Nel 2009-10 arrivammo in Champions (Storari, Pazzini....) 

Furono 3 bei campionati ma quelle 2 teste di minchia, se pur i più grandi giocatori, parlo di tecnica, che abbia mai visto, in molti modi furono divisivi e diedero il la a 2 disastri sportivi da veri asini,che lasciarono molti strascichi anche fra i tifosi, (sopratutto il 10 di Jesi, visti i 15 anni di militanza contro i 4 del barese) e che costarono molto alla Sampdoria (in tutti i sensi). 

in quella partita col piacenza che tu dicevi , fece un gol di sinistro al volo il mancio su lancio di sinisa mi sembra...che ricordi di adolescenza...

Link to comment
Share on other sites

40 minuti fa, frenk7 dice:

mamma mia che ricordi...nel 95 -96 battemmo la juve due volte..andata con una formazione super rimaneggiata con una doppietta pazzesca di chiesa ed al ritorno un 3-0....con chiesa, balleri e seedorf...poi rifilammo anche un 3-0 al milan campione di italia...mancini chiesa era la coppia gol forse più bella del campionato..l'anno dopo le due vittorie a san siro furono rocambolesche ed incredibili, quella col milan soprattutto perchè giocammo quasi tutta la partita in dieci ed in rimonta, e poi una carambola pazzesca sulla linea tra balleri e dieng mi sembra...eravamo secondi a due punti dalla juve , poi la domenica successiva perdemmo con la roma di carlos bianchi in casa e svanì il sogno scudetto...cmq era una samp che girava a mille...forse siamo stati l'attacco migliore con montella vice capocannoniere con 22 gol e mancini che segnò 15 gol...poi diverse partite con goleade...ricordo 5 gol a udine con tripletta del mancio, un 5 a 2 al perugia con gol stratosferico di veron al volo da calcio d'angolo....un 4 a 3 a cagliari con gol finale di iacopino...porca eva, mi prende a male , le ricordo come se fosse ora quelle partite....

in quella partita col piacenza che tu dicevi , fece un gol di sinistro al volo il mancio su lancio di sinisa mi sembra...che ricordi di adolescenza...

Ricordi bene, grandi giocate, grandi partite e grandi giocatori... E il più grande diede una spallata importante per far finire tutto qualche anno prima del tempo... 

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...