Jump to content

Cessione


orso
 Share

Recommended Posts

56 minuti fa, Iagun62 dice:

C'è anche il famoso detto " Dare cammello, vedere moneta"

 

30 minuti fa, Erreci dice:

Veramente sarebbe dare moneta per vedere cammello

emabelin 'sta gente dell'entroterra è  grezza come la carta vetro 🫣

Belin Dottore mi stupisce il fatto che non abbia colto la battuta 🙄🙄

Link to comment
Share on other sites

Cari fratelli di fede Blucerchiata.

Intervengo in una discussione assai delicata.

In sogno mi sono apparsi santa Adelaide e sant'Anania.

Credo che il messaggio che mi hanno voluto dare sia abbastanza preciso. Non voglio dire nulla ma lo sceicco non credo c'entri. Vialli si.  In data molto facile da intuire sono convinto che tutto si dipanerà.

Son certo che la vostra Regina sotto i riflettori avrà a breve nuovo fulgore.

cenoa stercore

Link to comment
Share on other sites

17 ore fa, labbrodinovisad dice:

così Rissetto sulla "ferma volontà" di Ferrero di non cedere la Sampdoria

 

 

 

Più passa il tempo e più quel "trust Rosan", sede in Italia e disciplinato dalla legge dell'Isola di Jersey, si rivela un ostacolo inespugnabile alla cessione. Chiunque si avvicina alla Sampdoria, infatti, deve affrontare la questione dei 33 milioni relativi alla "liberazione" dal trust, ancor prima che affacciarsi sulla situazione economica, non floridissima, del club.

 

Però Rissetto mi dovrebbe spiegare una cosa, ma siccome non lo farà forse mi può aiutare qualche utente più avvezzo a queste questioni.

Se per accedere alla data room , "si deve affrontare la questione dei 33 milioni" (deduco traducendo "tirar fuori 33 milioni") , com'è che a detta degli stessi primocanalisti c'è stato un discreto via vai in sta cazzo di data room , ma di soldi non ne ha visti nessuno?

Viceversa se come mi par di aver letto qua sopra in data room si può entrare senza cacciare soldi, ma se per "affacciarsi sulla situazione economica non floridissima del club " (cit Rissetto) i soldi bisogna cacciarli pima la domandona è :

CHE CAZZO SI VEDE IN DATA ROOM ?.

A sto punto propendo per la lettura di Erreci li si proiettano film porno e ci si masturba come non ci fosse un domani a gratis.

Edited by cillo2461
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

per come è stata concepita la data room dovrebbe essere un luogo fisico dove si entra uno per volta per acquisire informazioni non pubbliche su un bene che si vuole comprare, ultimamente invece sono apparse delle virtual data room che hanno la stessa funzione ma non hanno luogo fisico.

Quella della Sampdoria invece com'è?

 

Link to comment
Share on other sites

A me sembrano tutte cazzate, luogo fisico o astratto che sia si tratta di vedere le carte, bilanci , composizione societaria, contratti, vincoli, obblighi, partecipazioni, beni materiali, beni immateriali, cazzi e mazzi vari.

Per avere accesso a tutto questo uno deve in qualche modo certificare un vero interesse ed una vera disponibilità, se invece occorre cacciare 33 milioni di euri allora ha ragione Rissetto , la Samp non sarà mai venduta.

Edited by cillo2461
Link to comment
Share on other sites

9 minuti fa, Robi dice:

 

Quella della Sampdoria com'è?

Pare sia piena di fica 

1 minuto fa, cillo2461 dice:

se invece occorre cacciare 33 milioni di euri allora ha ragione Rissetto , la Samp non sarà mai venduta.

Immagino che debba dimostrare di essere affidabile senza cacciare grana. Sono certo che utente Marlin dirimerà la questione 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Nel frattempo la data-room è sempre più affollata...

La voce che rimbalza in queste ore a Genova, sponda Sampdoria, è di una cordata angloamericana interessata all'acquisto del club. Il gruppo sarebbe già in data room, per la due diligence, e coinvolgerebbe anche l'ex bomber Gianluca Vialli. Mente dell'operazione, sarebbe Franco Baldini, finanziato da James Pallotta. La regia, però, potrebbe essere dell'ex presidente Edoardo Garrone.

Il numero uno di Erg, secondo La Repubblica, potrebbe essere coinvolto. Garrone è legato da amicizia personale con Franco Baldini, che era presente anche ai funerali del padre Riccardo in rappresentanza della Roma ma pure a titolo personale, e non avrebbe difficoltà ad ottenere l'aiuto di Edoardo sia come facilitatore che come sponsor. L'imprenditore, che giura di non saperne nulla, potrebbe vivere da vicino al vicenda anche solo come consigliere. Vanno inoltre ricordati gli ottimi rapporti che sussistono tra Garrone e l'americano Pallotta, altro indizio della vicenda.

Link to comment
Share on other sites

15 minuti fa, cillo2461 dice:

La regia, però, potrebbe essere dell'ex presidente Edoardo Garrone.
 

Cioè, ci manca tutto ma se c'è c'è una cosa che non ci manca sono i registri e produttori e questi vanno a prendere come regista Garrone? Cazzo è peggio della barbie, c'è un Garrone per ogni mestiere (a meno che non intendevano Matteo Garrone)

Edited by Austrodoriano
Link to comment
Share on other sites

primocanale ce la racconta così:

Cinque date, quattro trattative per la Samp. E Lanna vede Lanzoni

Cinque date, quattro trattative, meno di un mese a disposizione per salvare la Sampdoria da conseguenze nefaste. Tra novembre e dicembre si decide il destino della società blucerchiata e probabilmente anche della squadra, impegnata nella difficile lotta per la salvezza.

Le prime date sono quelle del prossimo fine settimana: sabato c’è la manifestazione di protesta dei tifosi e domenica la presenza anche di Gianluca Vialli a Genova per la proiezione in anteprima del film “La bella stagione”.

Poi, il 6 dicembre scadrà l’interdizione a Massimo Ferrero, il 14 è in programma l’assemblea degli azionisti con l’obbligo di ricapitalizzazione ed il 16 il termine ultimo per gli adempimenti fiscali. A proposito dei quali Lorenzo Casini, presidente della Lega di serie A, ha dichiarato: “Se un club ne ha chiesto la rateizzazione, nel calciomercato invernale non potrà andare a comprare calciatori senza cederne altri”.

La Sampdoria è in queste condizioni ed infatti sta pensando ad una sessione di prestiti, il primo dei quali sarebbe Denis Praet, ripetutamente chiesto al Leicester.

Contemporaneamente si succedono le indiscrezioni sulle trattative di cessione della Samp: dal gruppo Di Silvio-Al Thani, che ha nuovamente annunciato l’imminente arrivo dei soldi, al Fondo Merlyn Partners, già proprietario del Lille.

Nelle ultime ore si sono aggiunti due nomi: il Fondo Genstar Capital dell’uomo d’affari e filantropo americano Jean Pierre Conte ed il ritorno di James Pallotta, ex proprietario della Roma, del quale si era già parlato nei mesi scorsi. Allora Pallotta aveva smentito, oggi (come svela Repubblica) sarebbe stato coinvolto nuovamente da Edoardo Garrone e Franco Baldini, padre di Mattia, promosso proprio pochi giorni fa da talent scout a direttore sportivo della Sampdoria.

Intanto stamane, il presidente Marco Lanna ha partecipato alla tavola rotonda “Operazioni di finanza ordinaria e straordinaria e di M&A”, svoltasi presso palazzo San Giorgio di Genova, dove (come documenta questa foto) ha incontrato anche Paolo Lanzoni, ex uomo Erg di Riccardo Garrone e soprattutto colui che aveva suggerito l’ingaggio di Beppe Marotta, conosciuto ai tempi del Varese.

Link to comment
Share on other sites

A me la situazione odierna della cessione della Nostra ( e quindi quella di tutti noi sampdoriani) che si prolunga da quasi un anno tra fondi che si interessano ma che non concretizzano con una regolare offerta e cordata qatariota che da settembre propone date di "chiusura" dell'affare costantemente procrastinate, fa venire in mente un lontano programma della RAI in b\n caro a noi VDM, si chiamava "Specchio segreto" e fu la prima versione italiana delle candid camera statunitensi. Protagonista e regista, Nanni Loi, la gag più famosa del programma fu "La zuppetta" (in un affollato bar il provocatore attendeva che un cliente ottenesse il suo caffè per pucciargli  proditoriamente la punta di una brioche nella tazzina). Ma quello che ricordo bene ed è metafora della nostra situazione è un altro.

Veranda assolata di un bel ristorante, un corpulento signore in completo grigio , camicia bianca e cravattino nero come d'ordinanza negli anni '60, siede da solo ad un ampio tavolo, il cameriere si avvicina mellifluo per declinare i piatti, riceve la robusta comanda e si allontana pronunciando la frase\tormentone che chioserà tutti i suoi interventi: "Il suo piacere è la nostra soddisfazione"

Da quel momento il disgraziato verrà lasciato solo ad ammirare i commensali che ricevono regolarmente tutte le portate, mentre il satanico cameriere comincerà ad addobbargli il tavolo con vasi di fiori, pepaiole monumentali, portaceneri di cristallo, saliere, oliere, persino un'elegante spiritiera scaldapiatti, ma cibo...nisba.

Siamo come il disperato signore in attesa, che boffonchia le sue rimostranze mentre la sua cortesia è messa alla prova a fini spettacolari. Testate giornalistiche lottano a colpi di scoop, magari stanotte l'escrow si riempie di palanche, magari domani...è dal 2019 che il momento buono è domani. Si può dire che hanno rotto il .. . ? Che comunque vada a finire, non si ingrugni chi dovesse ricevere un vaffa, la pazienza è un conto, le costanti sollecitazioni a sperare, rapidamente contraddette diventano aghi sotto le unghie.

  • Like 2
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...