Vai al contenuto
amintore

Antonio Romei

Recommended Posts

Ma che cagacazzi che siete ...... stava spiegando il punteggio no? (a Cacciatore :D)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
14 hours ago, amintore said:

59f6109353d29_ScreenshotCapture-2017-10-29-18-17-03.png.19325a1d273fcb8d8c37da76e151d30f.png

"Minchia, se quel nano adesso si mette anche a segnare, come faccio a regalarlo all'Inter?"

 

Dai, facciamo finta per il pubblico: Entusiasmooooooo ........

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
8 minutes ago, Gatto Silvestro said:

"Minchia, se quel nano adesso si mette anche a segnare, come faccio a regalarlo all'Inter?"

 

Dai, facciamo finta per il pubblico: Entusiasmooooooo ........

:|:|:|

  • Sad 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest 11Marassi

Romei: "Parola d'ordine crescere. Torreira patrimonio della Samp. Siamo ambiziosi"

L'Avvocato Antonio Romei è intervenuto telefonicamente nel corso della trasmissione “Forever Samp”, in onda su Telenord, per tracciare un bilancio del lavoro svolto sinora dalla squadra e dalla società.

“Quando le cose vanno bene bisogna mantenere i piedi saldi a terra. I progetti che abbiamo intrapreso stanno andando bene, sia dal punto di vista societario, sia sotto il profilo sportivo. La squadra ha una forte identità di gioco e giovani da valorizzare - riporta Sampdorianews.net - , sono stati fatti progetti importanti, come la residenza dei ragazzi del Settore Giovanile, mentre altri sono in corso. Adesso c'è un grande progetto per la riqualificazione dello stadio, ne parleremo con la giunta, è in corso un dialogo importante e approfondito”.

Sulla squadra: “L'anno scorso ho detto che la parola d'ordine era lavorare per acquisire un'identità. Avevamo molti giovani, Giampaolo appena arrivato. Quest'anno la parola d'ordine è crescere. Noi dobbiamo sempre guardare più in alto. E' normale che in alcune partite si soffra, ma la squadra è cresciuta, ha preso consapevolezza. Anche contro l'Inter, ad esempio, la Samp è rimasta in partita, passando da 3-0 a 3-2 e questo è sintomo di una squadra che ha grande fiducia nel suo gioco. Questo grazie al mister, ad uno staff altamente qualificato e a ragazzi altamente professionali. Noi cerchiamo di farli lavorare in un ambiente sereno, nel migliore dei modi possibile. Dobbiamo mantenere i piedi per terra, ma consapevoli della nostra crescita e questo è un buon auspicio per il futuro”.

Su Torreira: “Di clausole non parliamo, ci sono meccanismi contrattuali piuttosto complicati. Torreira è un patrimonio della Samp, sarà tutto l'anno con noi. Ha avuto una crescita importantissima, è serio, ha voglia di arrivare, voglia agonistica e determinazione”.

Sul desiderio espresso di vedere una partita nella Sud e sulla tifoseria: “Sono scaramantico, per ora resto in Tribuna. Da appassionato di calcio, quello che fanno i nostri tifosi è incredibile. Anche quello è un patrimonio della società. E' complicato per tutti fare punti da noi e questo in gran parte è merito della tifoseria, stiamo cercando di avere un rapporto molto diretto e franco con i tifosi, è un nostro dovere preciso”.

Sul giovanissimo e talentuoso centrocampo blucerchiato: “Il nostro sogno era di mettere in campo questo tipo di centrocampo, dimostrando quanto la Samp creda nei giovani. L'alto livello è la dimostrazione che questa squadra ha un futuro. Il nostro settore tecnico penso sia il fiore all'occhiello, siamo un punto di riferimento anche da quel punto di vista, un modello come ne esistono altri. I risultati sono frutto di una programmazione, stiamo raccogliendo i frutti di questi anni. E' un orgoglio avere una squadra che sappia giocare a calcio, giocatori che diano emozioni, abbiamo puntato su giocatori su cui crediamo”.

Sulla crescita dei giovani: “I giocatori hanno bisogno di essere aspettati, soprattutto se sono giovani. Lo abbiamo fatto con Praet, con Skriniar...abbiamo dimostrato di saperli aspettare per farli esplodere”.

Sugli obiettivi: “Non voglio essere né scaramantico né finto modesto. Ferrero è molto ambizioso ed è il primo a stimolare tutti a fare meglio. L'obiettivo è avere una squadra con una fortissima personalità, che sappia soffrire (come nel primo tempo con l'Atalanta, anche per merito degli avversari), ma che non si disunisca mai. Dobbiamo riuscire a progredire in questo, cercando di arrivare il più in alto possibile e di giocarsela alla pari”.

Sulla serietà del gruppo: “Guardare un allenamento fa rimanere estasiati. I ragazzi si allenano con serietà e serenità. Dobbiamo tutelare i risultati a cui siamo arrivati, mantenere i piedi per terra anche nei momenti di difficoltà che ci saranno, ma sappiamo che tutti i giocatori danno il massimo. Dobbiamo arrivare il più in alto possibile, siamo ambiziosi. Tutte le nostre iniziative sono state volte a recuperare il gap dal punto di vista delle infrastrutture e dei servizi fuori dal campo e sul campo nel dare l'anima”.

Su Quagliarella: “E' un punto di riferimento, un esempio per tutti. Arriva all'allenamento un'ora prima e se ne va via un'ora dopo. E' uno di quei giocatori che fanno la fortuna di una società, siamo stati fortunati ad averlo preso. E' necessario che ci sia qualche giocatore d'esperienza, lui è eccezionale. C'è empatia tra squadra, società, staff tecnico e tifosi e in questo Fabio è eccezionale”.

Sulla ripartizione dei diritti tv: “Mi sono dedicato con tutto me stesso a cercare di cambiare le cose. Il sistema di ripartizione è penalizzante per le squadre “medio-grandi”. Adesso questa nuova norma premia la meritocrazia e le presenze allo stadio – altro tema che mi sta a cuore -, è un passo avanti, fondamentale per una società come la nostra. Il calcio è un bene comune, più la società si impegna affinché sia uno spettacolo gioioso, allegro, più deve essere premiata”.

Sul derby: “E' una partita difficilissima, il Genoa vale di più dei punti in classifica, è una classifica bugiarda. Dobbiamo giocare il derby con le nostre armi, la qualità del gioco. La stracittadina è uno spettacolo e la nostra squadra deve essere all'altezza di questo spettacolo, giocando come sappiamo giocare”.
 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

stralci dall'intervista di stamane sul secolo (li riprendo da Sampnews)

 

La Sampdoria sta vivendo con molta intensità le prime settimane dalla fine del campionato. Il calciomercato è attualmente l’argomento principale, ma anche i temi riguardanti il bilancio, i diritti tv, lo stadio “Ferraris” e il futuro di Daniele Pradè e Riccardo Pecini sono di fondamentale importanza in vista della prossima stagione. A chiarire ogni questione è l’avvocato Antonio Romei: «Siamo in attesa della aggiudicazione della trattativa privata per i diritti televisivi. Complessivamente potremmo incassare una decina di milioni in più. Dobbiamo certamente fare di più sulla parte commerciale e su quella dei ricavi legati allo stadio. Lì siamo indietro rispetto ai nostri competitor. Siamo in attesa che venga completata la perizia dell’Agenzia del Territorio sul Ferraris, ormai manca poco. Poi ci incontreremo nuovamente con il Comune. Stiamo studiando e valutando insieme al Genoa cosa si può già fare in vista della prossima stagione. In realtà non molto, ma qualcosina sì: proseguire con il rifacimento dei bagni, migliorare il servizio bar e magari iniziare ad installare qualche Sky Box per vedere l’effetto che fa. La Samp poi sta ricevendo poco dalle realtà imprenditoriali genovesi e liguri. Ci farebbe piacere avere una maggiore collaborazione dalla parte produttiva della città».

«I tifosi devono comprendere che più spendono della squadra e più hanno la possibilità che si rafforzi. Il presidente Ferrero quando c’è da investire non si tira indietro. I tifosi questo lo hanno constatato, investimenti in strutture e giocatori sono sotto gli occhi di tutti. Le strutture sono importanti, secondo me alcuni giocatori negli anni scorsi non hanno scelto la Samp proprio a causa di alcune carenze infrastrutturali. Quanto alla squadra, durante la proprietà della Ferrero a livello di ammortamento il valore della rosa è aumentato di 20 milioni. Nel 2017 abbiamo concluso operazioni in entrata e in uscita per 140 milioni di euro circa. Le commissioni, per i trasferimenti più quelle sugli ingaggi, sono tra il 3 e il 5%. La Samp non ha debiti con le banche e a differenza di altre società non sconta in anticipo i ricavi da diritti televisivi». Sull’addio dei due dirigenti: «Ogni decisione finale spetta e spetterà sempre al presidente Ferrero. Pecini si è preso una pausa di riflessione. Ha ancora due anni di contratto e ogni decisione dovrà essere condivisa. Come per Pradè, anche se lui è in scadenza. I rapporti con entrambi sono ottimi. Penso che il ciclo della proprietà Ferrero sia assolutamente positivo. Anche l’ultima stagione la valuto positivamente anche se magari non tutti saranno d’accordo. L’obiettivo di partenza era quello di patrimonializzare la Sampdoria e la nuova proprietà ci è riuscita. Aumentarne il valore per portarlo il più vicino possibile a ridosso delle big – conclude Romei al Secolo XIX – dove deve stare».

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

per me. discorso freddo e razionale, come quello di un amministratore delegato ai suoi azionisti.

dico solo una cosa da tifoso caldo e irrazionale, ma se sapete già che l'accordo con quelli là non porterà a molto, non lo si fa, come disse paolo Mantovani "Nel calcio deve comandare un numero dispari di persone inferiore a tre"

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Robi dice:

per me. discorso freddo e razionale, come quello di un amministratore delegato ai suoi azionisti.

dico solo una cosa da tifoso caldo e irrazionale, ma se sapete già che l'accordo con quelli là non porterà a molto, non lo si fa, come disse paolo Mantovani "Nel calcio deve comandare un numero dispari di persone inferiore a tre"

e che cazzo c'entra???

tu di caldo non c'hai un beneamato cazzo, visto che hai cagato il cazzo a tutti i presidenti dell'Unione calcio Sampdoria da quando ti conosco

semmai sei irrazionale (per non dire di peggio) e meno male che fai solo il tifoso, e non hai la responsabilità manco del condominio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il vero tifoso caldo contesta

La Sampdoria gli appartiene [semicit]

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, Robi dice:

per me. discorso freddo e razionale, come quello di un amministratore delegato ai suoi azionisti.

dico solo una cosa da tifoso caldo e irrazionale, ma se sapete già che l'accordo con quelli là non porterà a molto, non lo si fa, come disse paolo Mantovani "Nel calcio deve comandare un numero dispari di persone inferiore a tre"

Che poi dice che si può far poco quest anno perché ancora nnon si sono completate tutte le cose burocratiche,  non che non si può fare con quelli la. Comprensione del testo malino 😉

  • Like 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, labbrodinovisad dice:

e che cazzo c'entra???

tu di caldo non c'hai un beneamato cazzo, visto che hai cagato il cazzo a tutti i presidenti dell'Unione calcio Sampdoria da quando ti conosco

semmai sei irrazionale (per non dire di peggio) e meno male che fai solo il tifoso, e non hai la responsabilità manco del condominio

ma cosa stai dicendo? visto che non ci capisco un cazzo lo vorrei come presidente, altra cosa quelli là più ci stan distante meglio è, neanche una castagna baussicata condividerei con loro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Inviato (modificato)
15 minuti fa, Robi dice:

ma cosa stai dicendo? visto che non ci capisco un cazzo lo vorrei come presidente, altra cosa quelli là più ci stan distante meglio è, neanche una castagna baussicata condividerei con loro.

eh si vede che ti mancano alcuni elementi, non sei un tifoso ultrà moderno

Modificato da Gianla
  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
15 minuti fa, Robi dice:

ma cosa stai dicendo? visto che non ci capisco un cazzo lo vorrei come presidente, altra cosa quelli là più ci stan distante meglio è, neanche una castagna baussicata condividerei con loro.

Ci stai già condividendo lo stadio da circa 100 anni 

Eggià ma tu sei di quelli o la Charlize Theron  o niente  ..... e allora giù seghe a manetta

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, Robi dice:

ma cosa stai dicendo? visto che non ci capisco un cazzo lo vorrei come presidente, altra cosa quelli là più ci stan distante meglio è, neanche una castagna baussicata condividerei con loro.

ehm, veramente ci stiamo condividendo lo stadio da quando siamo nati

semplicemente da una proprietà comunale affittata ad entrambi (ed oggi gestita da entrambi) si sta ragionando su un acquisto da parte di entrambi

ma la condivisione c'era l'altroieri e ieri, e c'è già oggi

ma rimanendo al freddo ed al caldo... io per tifoso "caldo" (sarò fatto male io) non intendo chi vede nel torbido dovunque, o chi fa i conti in tasca a chi la Sampdoria la conduce. E mi ripeto, ora con questi, ieri avveniva con i Garrone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, labbrodinovisad dice:

ehm, veramente ci stiamo condividendo lo stadio da quando siamo nati

semplicemente da una proprietà comunale affittata ad entrambi (ed oggi gestita da entrambi) si sta ragionando su un acquisto da parte di entrambi

ma la condivisione c'era l'altroieri e ieri, e c'è già oggi

ma rimanendo al freddo ed al caldo... io per tifoso "caldo" (sarò fatto male io) non intendo chi vede nel torbido dovunque, o chi fa i conti in tasca a chi la Sampdoria la conduce. E mi ripeto, ora con questi, ieri avveniva con i Garrone

Guarda che se a me non fregasse niente della Sampdoria non mi metterei a questionare su qualunque cosa, me ne batterei il belino facendo un passo indietro.,

perchè anche il discorso "...i tifosi devono comprendere che più spendono..."  non può passare inosservato senza un commento...

Riguardo allo stadio hai ragione abbiamo condiviso gioco forza lo stadio con loro da sempre tramite interposta persona da garante  (il comune di genova),  c'è da dire che prima non c'era la possibilità di costruirtene uno per i cazzi tuoi, certo mancano gli spazi, ma non può essere una scusante per mettersi in affari con loro.

Ripeto se mancano gli spazi me li creo come hanno fatto a suo tempo con l'aeroporto, utilizzo la terra di scavo del terzo valico per fare un riempimento in mare su cui costruire il nuovo stadio. (ma questo è tutto un altro discorso)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×