Jump to content

Capitano, mio capitano...


Recommended Posts

5 ore fa, Robi dice:

Non capisco questa voglia di dividere i Sampdoriani in categorie e di autoproclamarsi superiori ad altri Sampdoriani. Stiamo prendendo una brutta deriva.

Mica è un tifoso sampdoriano lucapellegrini, è soltanto un ex giocatore ed ex capitano del Doria

Link to comment
Share on other sites

10 minuti fa, Erreci dice:

Mica è un tifoso sampdoriano lucapellegrini, è soltanto un ex giocatore ed ex capitano del Doria

quello che penso anche io ( la mia risposta era per un post di daitam), quindi non ci sta problema, è una delle tante persone che spala merda, basta non dargli soddisfazione nemmeno a nominarlo e se proprio bisogna seguire una partita della Sampdoria con il suo commento azzerare il volume, ma cosa vi volete aspettare da uno che ha il dente avvelenato con la Sampdoria?

Edited by Robi
precisazione
Link to comment
Share on other sites

22 ore fa, labbrodinovisad dice:

Belin disgraziatamente sono stato costretto davanti alla TV per ragioni di salute e... Potete togliermi Pellegrini da commentarci?

Poi faccio zapping sulle locali e pure entusiasmo Rissetto ha una faccia che sembra che ne abbiamo presi cinque

Si vede che son contenti solo se c'è da cagare il cazzo

Quello che mi aspetto non posso scriverlo pubblicamente onde evitare querele 

Link to comment
Share on other sites

6 ore fa, Robi dice:

Non capisco questa voglia di dividere i Sampdoriani in categorie e di autoproclamarsi superiori ad altri Sampdoriani. Stiamo prendendo una brutta deriva.

robi nessuno si autoproclama superiore a nessun altro, non si tratta di dividere in categorie, è un dato di fatto che a tanti pseudodoriani piaccia di più martellarsi i coglioni che gioire per il bellissimo campionato che stiamo facendo, prendersela con qualche giocatore e mugugnare piuttosto che applaudire, andare dietro alle prime cose che scrive qualche belina per destabilizzare l'ambiente anzi che dargli il peso che merita... e potrei continuare

Link to comment
Share on other sites

15 ore fa, Daitarn dice:

robi nessuno si autoproclama superiore a nessun altro, non si tratta di dividere in categorie, è un dato di fatto che a tanti pseudodoriani piaccia di più martellarsi i coglioni che gioire per il bellissimo campionato che stiamo facendo, prendersela con qualche giocatore e mugugnare piuttosto che applaudire, andare dietro alle prime cose che scrive qualche belina per destabilizzare l'ambiente anzi che dargli il peso che merita... e potrei continuare

tu parli di martellamento di coglioni  ma è solo mugugno, tu vorresti togliere il piacere di mugugnare a Genova? buona fortuna...

del resto oggi il mugugno è un segno d’identità della città ma anche dell’intera regione, 

ti ricordo che fin dal 1300 la Magistratura dei conservatori del mare (il più antico organismo preposto a tutte le attività concernenti le acque e la marineria) aveva regolamentato e sancito il diritto al mugugno.

Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, Robi dice:

tu parli di martellamento di coglioni  ma è solo mugugno, tu vorresti togliere il piacere di mugugnare a Genova? buona fortuna...

del resto oggi il mugugno è un segno d’identità della città ma anche dell’intera regione, 

ti ricordo che fin dal 1300 la Magistratura dei conservatori del mare (il più antico organismo preposto a tutte le attività concernenti le acque e la marineria) aveva regolamentato e sancito il diritto al mugugno.

bene, ed io invece esercito il mio diritto a mandarli a fanculo

manica di inutili come gondoni  bucati

Edited by labbrodinovisad
Link to comment
Share on other sites

  • 3 months later...

la versione di Pellegrini (che a me non piace per nulla, ma ve la lascio così)

per alcuni lo passaggi lo sparerei diretto a fanculo

https://www.sampnews24.com/pellegrini-si-racconta-laddio-deluso-no-tradito-che-e-peggio/

 

Tornare indietro, ripercorrere quella che è stata una carriera ricca di successi in blucerchiato, per Luca Pellegrini è facile ma anche difficile. A tanta gioia corrisponde anche tanto rancore per alcune situazioni che, purtroppo, hanno incrinato i rapporti. Ai microfoni di Luca Uccello, il Capitano della Sampdoria dello scudetto non nasconde che avrebbe voluto chiudere la carriera in blucerchiato.Rivela alcuni retroscena, su come gli fu comunicato di non essere più parte del progetto da parte di Paolo Mantovani: «La Sampdoria è stata, per larga parte della vita, la mia vita. Ho avuto la fortuna di giocarci undici anni, sono stato il primo acquisto, assieme a Bistazzoni, dell’era Mantovani. Potrei dire di essere la pietra miliare attorno alla quale la dirigenza tecnica ha costruito la storia blucerchiata. Sono stati i tifosi ad etichettarmi come “Il Capitano”, probabilmente perché ho sempre incarnato lo stile della Sampdoria. Essere capitano è una cosa genetica, la hai dentro, fin da piccolo sono sempre stato un leader. Non uno di quelli rumorosi, ero abbastanza silenzioso, ma quando dicevo le cose venivano ascoltate».

Arrivare sul tetto della Serie A, all’epoca, era possibile perché il calcio era diverso: «La Sampdoria ha vinto lo scudetto perché nel calcio contavano ancora le individualità. Noi non eravamo “organizzati“ perché Boskov giocava all’antica. Venivamo da due anni con Bersellini dove avevamo giocato a zona, Boskov passò alla marcatura a uomo perché esigeva sapere chi fosse il responsabile dei gol subiti. Aveva esperienza da vendere, era psicologo, sapeva gestire un gruppo di galletti con forti personalità, ci voleva uno che sapesse usare il bastone e la carota. È riuscito a dare un equilibrio all’interno del nostro spogliatoio. Ognuno di noi aveva una sua identità, un forte carattere che ovviamente si era consolidato con il tempo grazie alle esperienze, ci siamo forgiati a vicenda e molto bene. Qualche volta il mister ci chiedeva consigli per fare la formazione, è stato chiesto anche me di dare un giudizio sui miei compagni di squadra ma non mi veniva naturale, tant’è vero che poi io non ho fatto l’allenatore. Non era così per altri miei compagni di squadra che davano anche giudizi trancianti».

I procuratori e Paolo Mantovani, un aneddoto che ci mostra un calcio completamente diverso da oggi: «La Champions? Non l’hanno vinta perché non c’ero più io. Sono sincero non ho mai seguito le partite di Coppa dei Campioni della Sampdoria. Mi sono sentito tradito, che è peggio della delusione. Deluso, è un qualcosa che ti manca, ma quando poni fiducia e vieni tradito, non ha paragoni. Correva l’anno 1984, l’avvocato Canovi è stato uno dei primi a diventare procuratore, io avevo difficoltà ad andare a parlare di soldi, mi risultava pesante. Lo ingaggiai dopo aver valutato la situazione con la mia famiglia. Non ho però mai mandato nessuno dalla società, essendo ancora sotto contratto. Adesso è una cosa naturale che l’avvocato vada prima della scadenza a parlare con la società, all’epoca no. Eravamo in ritiro e il mio procuratore, inseguito alla vittoria della Coppa Italia, si presenta in sede. Io non ne sapevo nulla. Mi ferma Bersellini, prima di un allenamento, per chiedermi conto del procuratore e per avvisarmi che il Presidente c’era rimasto male. Lo chiamai, risolsi la situazione e pianificammo di vederci: una volta faccia a faccia ci facemmo una risata, liquidai l’avvocato e non si parlò più di contratto. Lui non voleva i procuratori perché aveva talmente tanta voglia di stare con noi che, non potendo scendere in campo, non voleva gli fosse tolta la possibilità di contrattare con i giocatori, così mi spiegò».

«Arriviamo al 1990/91, avevo firmato un contratto in bianco, della durata di tre anni. Quel contratto scoprii a fine stagione non fu mai depositato. Dopo la vittoria dello scudetto mi cercò, invano, Borea. C’erano state voci in entrata ma non gli avevo dato peso. Chiamai il Presidente per sapere il motivo della telefonata del direttore sportivo e lui mi comunica che non sarei stato confermato per l’anno successivo. Sono rimasto impassibile e ho chiesto del contratto, mai depositato, riguardo alle pendenze, poi ho riattaccato. Abbiamo avuto la fortuna di avere Paolo Mantovani come presidente che ci ha coccolato, chi più e chi meno: è sempre stato una persona presente anche quando era all’estero. Ogni anno, dopo che ero andato via, si verificava la possibilità di rientrare a Genova. Quando arrivò Eriksson fu lui a dire di volermi. Nel 1994/95 sarei dovuto rientrare a Genova ma ci fu la cessione di Pagliuca all’Inter che presuppose l’arrivo di Riccardo Ferri che aveva più o meno le mie caratteristiche e quindi saltò tutto».

Edited by labbrodinovisad
Link to comment
Share on other sites

Al capitano con l'erre moscia brucia il sederino...quando andò via giocò nel Verona che andò in b...poi nel ravenna in b, poi dopo nel toro di Sonetti in una bassa serie A...se fosse rimasto altro che vincere la Coppa Campioni...che coraggio!

Praticamente ha ammesso di aver gufato...che roba...

Meno avrà a che fare col Doria e meglio starò

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

Ho visto tutto il video, perché avendo avuto diverse occasioni di parlargli ho sempre avuto una buona opinione di lui. L'ho trovato Poco corretto, visto che i diretti interessati non possono controbattere. E poco convincente: lascia intendere che successe qualcos'altro quell'anno (e mi pare anche di ricordare cosa) ma non se ne assume la responsabilità, preferendo accusare di scorrettezza una persona che notoriamente aveva una sola parola.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Eh no uno sgarbo o una cattiveria fatta da un nemico te l'aspetti ed è naturale, fatta da chi dovrebbe esserti amico o quantomeno vicino è molto ma molto più grave e quindi il comportamento di pellegrini è  a mio avviso imperdonabile 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...