Vai al contenuto
  • Annunci

    • cillo2461

      Un disco per l'estate by Doriastuart   26/11/2017

      Abbastanza spesso capita nella nostra vita che una canzone ne segni il momento. Il 7 giugno 1964 resta indelebile nella mia mente per quello che è successo e per le note di una canzone che, in quel giorno e in quel periodo, divenne, oggi si direbbe, un tormentone. La canzone vinse il concorso "Un disco per l'estate" di quell'anno e fu scritta da tale (se non ricordo male) Franco   Cassano e si intitolava "Sei diventata nera" e la cantava un gruppo i Los Marcellos Ferial che erano italianissimi, ma che per motivi commerciali si facevano passare per messicani. Quella canzone risuonò per tutto il tempo in cui le squadre non erano in campo dagli altoparlanti dello stadio.  Ah, già, le squadre....  Quell'anno la Sampdoria, allenata da Ocwirk, terminò il campionato a pari punti con il Modena e dovette effettuare lo spareggio con i canarini e, per quelle sorprese che solo il calcio può riservare, quello stesso giorno si decise lo scudetto con un altro spareggio tra Inter e Bologna.  I giorni che precedettero il nostro spareggio furono trafelati al massimo; era la prima volta che la tifoseria Sampdoriana era chiamata a organizzare una trasferta, si presumeva di massa, e lo scetticismo ridanciano di stampa e quelli là era una costante quotidiana. Ma la risposta andò oltre ogni aspettativa: ventimila Sampdoriani partirono per Milano.  Io ero un ragazzo, alla mia seconda (!) trasferta (a quei tempi non usava molto e poi ero minorenne), ma assieme a mio papà non ebbi problemi a partire. L'ansia fu notevole, ma più per il possibile risultato che per l'avventura in sè. Comunque venne il 7 giugno e ci recammo a Brignole dove ci attendeva il nostro treno speciale, organizzato dalla mitica Pierbusseti ( i più vecchi del Forum ricorderanno i manifestini che propagandavano le nostre trasferte in treno). Ero talmente invasato di partire che non mi accorsi nemmeno di come mi vestii: quando ero alla stazione dal binario vedevo che la gente mi guardava un po' così, allora mi resi conto che mi ero messo un paio di pantaloni blu e una maglietta (alla Celentano si chiamavano allora con il collo coreano e tre/quattro bottoncini a chiuderlo- mi piaceva-) rossa : per fortuna avevo sulle spalle una maglia della Sampdoria, di quelle che si vendevano allora, senza scudo sul cuore, senza colletto, ma a V, insomma aveva i nostri colori e basta e quella era un po' il mio lasciapassare in mezzo ai nostri.  Stava per cominciare una trasferta che ancora oggi mi è rimasta nel cuore, non tanto per la mia partecipazione quanto per il signficato che ebbe e per i sentimenti che suscitò n me.  La trasferta in treno: la più ambita, almeno un tempo, forse ancora oggi, per me certamente , spero anche in molti di noi perchè è quanto di più aggregante possa esistere. Brignole brulicante e rumorosa, ma non molesta, anzi allegra, un po' incosciente, giovane e anziana per i tipi che vi parteciparono. Niente sciarpe, non esistevano ancora, ma tante bandiere, non grosse, ma ben visibili. Il treno parte e il frastuono nella galleria che collega Brignole a Principe è indescrivibile, da pelle d'oca, il Doria-Doria è incessante e durerà fino al ritorno  Genova. A Principe quel treno si riempie ancora di più, ma è  Sampierdarena che gli scompartimenti scoppiano. Lo spettacolo fino a che non usciamo dalla Valpolcevera è amorevolmete pazzesco: quasi non c'è finestra ce non abbia un nostro stendardo a sventolare con tante donne alle finestre a incitare, applaudire, salutare.  Si arriva a Milano, città per metà impegnata nell'attesa di uno spareggio per lo scudetto e per metà concentrata a gufare, così che il grosso dei nostri si avvia indisturbato verso S.Siro.  La maggior parte di noi non era mai stata in quello stadio e quasi un timore reverenziale ci colse all'ingresso perchè ai tempi quello era il tempio del calcio italiano. Sembrava immenso, ma se non lo  fecero le nostre presenze, senza dubbio lo riempì il nostro tifo. Nel mio ricordo c'è che riempimmo i, chiamiamoli, distinti di un lato e metà dell'altro a diretto contatto con i modenesi. Nell'attesa "Sei diventata nera" riempì le nostre orecchie talmente tanto che anche nei giorni a venire era difficile da dimenticare. A quei tempi non c'erano i cori di oggi, perciò l'incitamento era un soltanto "Doria-Doria" che riecheggiò instancabile fino alla fine.  Tutti sappiamo come andò a finire, l'urlo ai goals non ebbe nulla di diverso da quelli odierni e il viaggio di ritorno fu trionfale, bandiere, maglia, teste fuori dai finestrini fino a Genova, in fondo per noi era la prima "finale" vinta e dalla Valpolcevera a Brignole si ripeterono al contrario le scene dell'andata.  Nota di...colore: a MIlano furono individuati alcun bibini che si erano avventurati in mezzo ai modenesi per portare il loro contributo. Inutile dire che il titolo della canzone dei Los Marcellos Ferial divenne la loro carta d'identità.  Nota di....colore bis: nel 1978, in occasione di Fiorentina_genua, ultima di campionato due sportivissimi rappresentanti del Graffiti e dello Squalo resero il favore,andando a tifare in mezzo ai viola e i pareggio finale significò la retrocessione blurossa: i nostri due tornarono a csa più blucerchiati che mai.   Tornando allo spareggio, potrà mai un Sampdoriano che l'ha vissuta dimenticare una giornata così?  Un anno dopo, sempre a giugno, al Palasport avrei avuto la fortuna di vedere dal vivo i Beatles, ma questo fa parte di un'altra storia oltre che di un'altra tonnellata di ricordi bellissimi.  

Robi

Members
  • Numero contenuti

    311
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

57 Excellent
  1. Ivan Strinic

    chiariamo un concetto, a me sta bene che la società decida a fronte di un comportamento scorretto del calciatore o suo preparatore di non avvalersi più delle sue prestazioni, fargli fare una vita da separato in casa e di voler puntare su un'altro calciatore magari più scarso ma di propria proprietà, una volta presa questa decisione, valutando tutti i pro e i contro, è da masochisti richiamarlo per farlo giocare, perchè è naturale che lui abbia già mentalmente staccato la spina anche se fisicamente si impegna in tutti gli allenamenti come da buon professionista.
  2. Lazio vs Uc Sampdoria

    pensare che con murru in campo non avremmo perso è un po' pretestuoso.
  3. Ivan Strinic

    non so cosa pensare... certo che di errori ne fa lui e ne ha fatto la società...
  4. Duvan Zapata

    signorina, prego
  5. Cronache di Hamelin

    GENOANI INFAMI (rif. piazza alimonda ieri dopo la partita)
  6. Duvan Zapata

    ho visto solo la palla sulla linea di porta entrare piano piano, poi a casa ho visto bene l'azione e posso dire che un po' di fortuna al 93esimo l'abbiamo avuta anche noi. Il suo ingresso ha cambiato l'inerzia di una partita che stava malinconicamente spegnersi sullo 0-0, migliore in campo.
  7. Uc Sampdoria vs Bologna

    Adesso andiamo a Roma a giocarcela fino alla fine, ma bisogna fare qualche fallo in più per bloccare le loro ripartenze
  8. Gianluca Caprari

    A me sembra di vedere il primo Quagliarella, quella che giovanissimo non la maglia granata non la metteva mai dentro. Poi ceduto dalla disperazione arriva da noi, e magicamente comincia a segnare con costanza e ottima fattura, si guadagna la nazionale e diventa il Quagliarella che tutti conosciamo...
  9. Juventus vs Uc Sampdoria

    Mi è proprio piaciuto quello che hai scritto, però ti sei dimenticato di dire che la spal giocava in casa quando ha pareggiato, e noi in casa contro i gobbi ci abbiamo vinto. detto questo abbiamo fatto 6 falli in tutta la partita uno ogni quarto d'ora, un po' pochini per poter sperare di portare a casa dei punti soprattutto in trasferta,
  10. Il Presidente

    Benatia ha il gusto dell'orrido, ma con tutta la fica giovane che c'è in giro chi stupra una vecchia signora?
  11. Uc Sampdoria vs Bologna

    SE CI SARA' LA LUNA CI PORTERA' FORTUNA...
  12. diritti e rovesci televisivi

    Il Tribunale di Milano ha accolto il ricorso di Sky Italia e ha sospeso fino al 4 maggio il bando di Mediapro per la procedura di assegnazione dei diritti tv della Serie A
  13. Juventus vs Uc Sampdoria

    la juve è più forte della Sampdoria è la sintesi che è uscita da questa discussione, bene, non prendiamolo come alibi ma come stimolo per migliorarci.
  14. Juventus vs Uc Sampdoria

    certe squadre dovrebbero fare un campionato europeo tra di loro e non rompere i coglioni alla squadre normali come la nostra.
  15. Juventus vs Uc Sampdoria

    è chiaro che loro son più forti di noi, infatti anche all'interno dello stesso campionato si lotta per obiettivi differenti, però in italia vincono tantissimo ma fuori no. se analizzi il tre a zero per loro di ieri, gianpaolo dice che il primo goal era irregolare (punizione battuta due volte?) e il secondo goal c'era un uomo in fuori gioco... con questo la juve è sempre più forte ma almeno fammela giocare senza favoritismi la partita.
×