Jump to content

boskov62

Members
  • Content Count

    87
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    2

Everything posted by boskov62

  1. e comunque la fate troppo facile, voi vedete luce dove ci sono tenebre !!!! Giampaolo va via, passa prima al supermercato di Bogliasco e a Milano si porta Praet, Andersen e anche Vieira. il tanto vituperato Sala finalmente può andarsene a Parma, Bere il polacco è praticamente sulla porta, Quaglia va a finire la carriera a Napulemerda, Gabbiai lo vuole il bologna e Caprari va al Toro. Defrel, Saponara, Tonelli hano salutato .... che cazzo cerchiamo un allenatore se van via tutti, chi fa giocare? Romei ??? ah no, va via anche lui .....
  2. come una giornata di merda si risolleva improvvisamente
  3. io per quelli là chiederei una bella perizia psichiatrica ....
  4. Vola, per esperienza trovare arabi che lavorano è difficilissimo se non impossibile. fanno lavorare pakistani, indiani, ecc. ecc. ma un arabo che lavora non lo trovi. sono solo dirigenti o direttori di qualcosa al massimo
  5. miiiii .... la figura di souness era per indicare che nella ns squadra servono dei riferimenti per comportamento, per carattere, per carisma o come lo volete chiamare, figure che ad oggi mancano. quello che ti manca è la figura a cui attaccarti quando le cose si imbruttano e che o dà la sveglia, o dà l'esempio, questo intendevo. uno un pò figlio di troia, anche. certo che il capitano della squadra che vince la cempsion non viene, ma uno con la faccia "buona" come si dice. ma magari sono il solo a pensarla e vederla così
  6. non ricordo su che canale l'ho vista questa intervista ma poco tempo fa stavano parlando della rubentus e , nonostante avesse già una signora squadra con riserve che potrebbero essere titolari ovunque, di come metterla a livello di poter vincere la cempsion. le figure che si erano identificate erano giocatori egualmente forti ma che avessero già esperienza e carattere per giocare a determinati livelli, caratteristiche soprattutto mentali. nel nostro piccolo, le iniezioni da fare in questa samp, bella e brava ma senza tanto animus pugnandi, dovrebbero essere figure con l'abitudine a giocare certe partite, con un carattere che in alcuni casi dia la sveglia ai compagni, ad esempio una figura che manca. ricordo, e non so quanti lo hano visto, che uno dei primi acquisti di PM per la samp in A fu un certo Graham Souness, che in una squadra di novellini diede subito sicurezza, ai compagni, ai tifosi, agli avversari (vero Passarella :-) ), insomma un leader che aiutò gli altri a diventare tali. io ad esempio dico che Ekdal ha aiutato la samp quest'anno più di quanto avrebbe fatto Torreira, pur con tutto l'amore che nutro per questo ragazzo. questo ci manca e questo ci serve. delle facce di cazzo, con un bel muso e che aiutino gli altri a diventare tali
  7. io ricordo l'anno in cui abbiam visto l'ultima girati di schiena .....
  8. e già che ci siamo a parlare di business..... Europa league L'Arsenal, sul proprio sito ufficiale, ha fatto sapere che l'Uefa ha riservato solo 6 mila biglietti a ciascuno dei due club nonostante lo stadio olimpico ne possa contenere 68.700. Ma c'è di più. La società ha stimato in circa 1.000 euro a persona il costo del viaggio per raggiungere Baku. Il motivo? Al momento non esistono voli di linea diretti fra Londra e la capitale dell’Azerbaigian. La Uefa si difende spiegando che l’aeroporto può accogliere solo 15mila arrivi. Quindi... Ma la domanda di tifosi e addetti ai lavori è semplice: "Perché l'Uefa ha scelto Baku? la Champions non sta meglio Non va meglio ai supporter di Liverpool e Tottenham. Ai due club infatti saranno assegnati solo 16.600 biglietti a testa sui 68.000 spettatori del Wanda Metropolitano. In una dichiarazione congiunta, tifosi di Spurs e Reds hanno chiesto un tetto e maggior trasparenza sul costo dei voli e dei biglietti, lamentando rincari dell'840% sulla tratta Londra-Madrid, notti in albergo da oltre 1000 euro e biglietti con prezzi anche superiori ai 500 euro. Il costo totale della trasferta potrebbe superare i 2000 euro.
  9. sì ma i soldi delle tv li fai se vendi bene il prodotto, quindi non è merito esclusivo delle società ma di una politica della federazione inglese. presumo che ci sia anche il fatto che la Britannia è un paese multi etnico all'ennesima potenza e che abbiano anche avuto grandi meriti nel vendere il prodotto calcio nelle'est asiatico ed in oriente. credo che a fare soldi gli inglesi siano maestri e che per il denaro si venderebbero pure le madri
  10. direi non male che 10 su 20 sono inglesi tra cui west ham che non fa le coppe da anni ed il southampton che tutti gli anni si piazza tra la quartultima e la quintultima del campionato inglese ma ha un budget più alto dei pulcinella .... chissà quale malsana azione avranno dfatto gli inglesi per avere tutti questi soldi .... e non venitemi a dire che sono gli stadi di proprietà
  11. io sono della stessa idea di cillo. cui prodest questa uscita ? inoltre: lui dice che la squadra ha fatto il massimo, probabilmente siamo anche una posizione sopra. però vogliamo alzare l'asticela mitica. e quindi ? le nostre due punte hanno fatto assieme 35 gol. quante altre squadre hanno di meglio ? la nostra difesa la possiamo migliorare dove ? a destra ? in uno dei due centrali (ammesso di non vendere Andersen ?) Ferrari il prossimo anno è titolare, ha fatto la stessa trafila di Skriniar ed andersen e un'altr'anno è lì. allora miglioriamo il centrocampo ? ekdal ha fatto un'annata super, forse Praet e Linetty hanno reso meno, però è mancato Barreto. certo segnano poco tra tutti. e qui arriviamo al duo Saponara e Ramirez. lì devono migliorare. oppure troviamo altre soluzioni (Caprari?), ma qui qualcosa manca. a questo punto per l'asticella cosa vuole ? se rimangono questi, rimaniamo lì (sempre che Quaglia faccia di nuovo 25 gol), se vendiamo per incassare (cosa che fanno tutte ma proprio tutte) rischiamo di tornare a campionati mediocri (?). e perchè lo dico in TV ?
  12. boskov62

    europa league

    e comunque la corsa all'europa league oggi non la chiudiamo ....
  13. rigore e gol non valido. già successo tra spal e Viola quest'anno se non sbaglio
  14. scritto così è troppo semplice, non è che se gioco male e poi ti sgrido allora dopo giochi bene, ci sono anche gli altri e non puoi eliminarli. però se entri in campo "mollo", i cazziatoni e le urla negli spogliatoi negli intervalli ci stanno e ci son sempre stati (quante volte ci siamo detti "speriamo che nell'intervallo gli dia una sveglia?). a volte servono a volte no. l'allenatore serve anche a questo oltre a dare un'impronta al gioco con schemi e quant'altro. ma da soli gli schemi ed i moduli non servono se non ci metti anche dell'altro ieri complice anche ad una diversa disposizione in campo dovuta anche all'uomo in meno e al fatto che ormai da perdere c'era più ben poco, nel secondo tempo un cambiamento nel carattere c'è stato. oppure me lo sono sognato io
  15. Cillo se non vuoi chiamarla mentalità ok, però se nel primo tempo la palla girava lenta, abbiamo sbagliato una valanga di appoggi semplici, abbiamo lanciato il compagno in profondità e non c'era nessuno, a tutto questo un nome lo puoi dare. o svagati o poco concentrati o distratti , fatto sta che non c'era la "cattiveria" sportiva giusta, cosa che poi invece abbiamo avuto nel 2° tempo dove abbiamo anche tirato qualche stecca nelle gambe. se poi il cambio di marcia c'è stato solamente per il cambio di posizioni in campo non lo so, ma credo che di mezzo ci sia anche quello che si chiama "amor proprio" e che credo Gian e Paolo gli hanno ricordato nell'intervallo. ma io non ero nello spogliatoio e non lo sapremo mai ...
  16. Labbro non lo ha ammonito per il fallo ma perchè mentre quello cadeva, Ramirez ha pensato di camminargli sulla caviglia. che lo abbia fatto o meno volontariamente non lo so ma nel dubbio e per come satava andando l'arbitraggio me lo sarei evitato
  17. io sul discorso scontri diretti però non sono d'accordo. di tutte quelle davanti abbiamo perso male solo col toro A/R e parzialmente con la roma, con inter e lazio abbiamo chiaro come sono andate le cose qui a marassi, col milan, napoli e atalanta pari e patta. quindi non è ciò che mi disturba.
  18. secondo me questo è un buon spunto per vedere dove, noi tifosi, vediamo come migliorare la Samp. io credo che qualcosa su cui riflettere ci sia: da una parte perchè non possiamo pensare di avere sempre il capocannoniere del campionato in squadra che ci tira fuori dai guai (l'esimio Erreci la metteva come una delle variabili che ti poteva far girare il campionato in un altro modo) e dall'altro perchè da difesa e centrocampo non abbiamo avuto mai un aiuto in termini di goal segnati (non ho sottomano le statistiche ma credo che ad es. sui calci d'angolo abbiamo segnato un solo gol di tonelli a bergamo). se vogliamo migliorare dobbiamo per forza di cose avere di più in fatto di segnature da difesa e centrocampo, pur cercando di mantenere l'apporto che danno alle punte. Murru ad esempio fa delle cose egregie, mette in mezzo dei palloni belli veloci e tagliati anzichè quei cross molli e ad altezza tibia dell'avversario, però quello di ieri è uno dei pochi tiri che gli ho visto fare ed è un peccato, Colley e andersen sono alti e grossi e mi sembra impossibile che in area avversaria non ne prendano una, sarà questione di come ti metti posizionato o di esperienza ma qualcosa in più devono mettersi in testa di farlo nell'altrra area
  19. distinti vattene (tranne due che sono amici degli amici)
  20. questo penso sia anche il pensiero di Giampaolo che forse per la prima volta non difende i suoi giocatori, nè per il prima (primo tempo senza nerbo) e nemmeno per il secondo (giocato come per una sorta di "pulizia delle coscienza")
  21. se prendiamo l'ajax ad esempio c'è da dire che il loro dispendio di energie fisiche/psichiche lo raggruppano su una ventina di partite all'anno, comprese quelle di C.L. Quindi lo stare sul pezzo da luglio a giugno in realtà con loro non puoi applicarlo, diversi sono i campionati inglese tedesco e spagnolo dove l'intensità la fa da padrona. allena la mente intensamente e la supporti con una condizione fisica (ma non da maratoneti e stop) che cala anche in 8-9 mesi ma che poi riprende, e poi te la giochi con tutti. L'atalanta fa questo (e mi scoccia dirlo) e vedi dove è.
  22. a me interesserebbe arrivare nelle prime otto per togliermi un turno di coppa italia e perchè prendi più soldi del 9°
  23. boskov62

    Emil Audero

    meglio tre michiate in una partita che una in tre partite. che ti serva di lezione.
  24. sta a vedere che qualcuno ci vede degli indizi ora.....
  25. credo che alla base di tutto ci sia la mentalità con cui affronti lo sport e di conseguenza le partite. noi, come italiani, ci facciamo un sacco di seghe mentali; gioco controllato, prima non prenderle, se posso non corro ma faccio girare la palla e così via. l'unica eccezione è l'atalanta ma credo l'eccezione sia chi la allena, infatti ovunque è andato faceva del pressing, delle sovrapposizioni sulle fasce, dei raddoppi, il suo mantra (a parte all'inter dove lo hanno cacciato ma ritengo che il motivo sia che è più facile dire ad un giovane di farsi il culo piuttosto che ad un campione affermato che invece ti manda a cagare). inglesi e tedeschi vanno sempre senza freni, partono a manetta e finiscono a manetta. quindi qualcosa dipende dalla preparazione fisica e da quanto il calciatore italiano si adatta ad un'intensità esasperata portata in allenamento, che poi ti permette di applicarla in campo. il City quest'anno sino ad oggi ha giocato 55 partite ma il Bournemouth, squadra di bassa classifica inglese, già 45. Eppure vanno e andranno sino a fine campionato a 100 all'ora. quando invece vedi una partita del campionato italiano oggi, senti già che dicono "i primi caldi, siamo a fine stagione, la stagione è iniziata presto ecc. in ultimo ci metto il tifoso italiano. a parole siamo tutti a favore del gioco veloce, del gioco assatanato, del dare e prendere, però poi al 3° o 4°° insuccesso cominciamo a chiedere l'allenatore che "primo non prendere gol e chissenefrega del pullman posteggiato sulla riga di porta". per creare qualcosa ci vuole tempo ma poi bisogna darglielo il tempo. forse in tutto questo , la strada intrapresa da questa dirigenza nel dare fiducia a questo allenatore ed al suo metodo, può aiutare tutti noi. la parola fidelizzazione l'ha detta Gian e Paolo in una sua intervista, ecco credo che dovremmo andare orgogliosi di quello che sta cercando di costruire e che, se non si rompe, o non gli rompe qualcuno, il cazzo prima è su una strada poco battuta da altri.
×
×
  • Create New...