Jump to content

Gianla

Administrators
  • Posts

    2,114
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    55

Everything posted by Gianla

  1. Gianla

    Cessione

    Ho appena visto l’intervista di Ferrero a Belve. Di tutte le cose che ha detto una sola mi é rimasta in mente: ha detto che la Sampdoria non gli é stata regalata, ma di averla comprata tramite “Leveraged buy out”, che leggo su internet essere un modo per acquistare società tramite prestito sfruttando la capacità di indebitamento della società stessa. Società che lui ha dichiarato avere pochi debiti al momento del suo subentro a Garrone. qualcuno che ne sa qualcosa mi può spiegare cosa sia questo Leveraged buy out? e come c’entrerebbero le fidejussioni di Garrone?
  2. Gianla

    Cessione

    Non lo so, io so solo che la situazione attuale é pura follia e che l’ipotesi di retrocedere con una nuova proprietà é quasi più rosea di salvarsi con l’attuale cda ancora al comando
  3. Gianla

    mondiali 2022

    beh non è proprio così. È come fare eliminatorie tra squadre di serie A serie B e serie C e prendre le prime 4 di ogni eliminatoria. Anche io lo trovo giusto, ma alcune delle squadre più forti rimangono fuori.
  4. Gianla

    Cessione

    Ed ecco a voi il buon Renzo, mezz’oretta fa Sampdoria, confermato il finanziamento da 250 mln Vialli si congratula. L'emiro a Genova per il vernissage Ttto come previsto, tutto deciso. Il finanziamento bancario da 250 milioni di dollari, deciso dalla famiglia Al Thani per acquistare la Sampdoria e rilanciarla è stato confermato ieri pomeriggio nel corso di una lunga riunione a Ginevra, alla quale hanno partecipato Francesco Di Silvio, l’escrow agent Francesco Console, Imad Aounallah (plenipotenziario dello sceicco Faleh Khalid Al Thani), Mehdi Hani, titolare della MH Partners e socio di Di Silvio, e il funzionario qatariota in rappresentanza della Banca Al Masraf, che assieme alla Heritage Bank curerà la pratica di erogazione del denaro. La prima telefonata di congratulazioni a Imad, immediatamente al termine della riunione ginevrina, è arrivata da Londra, da Gianluca Vialli, felice di veder avvicinarsi il momento in cui assumerà la presidenza della Sampdoria, all’interno del cda che sarà nominato dalla nuova proprietà araba. Raggiante anche Francesco Di Silvio: “Nel backstage della cerimonia di apertura del Mondiale – racconta al telefono – i dignitari e i ministri del Qatar hanno parlato dell’imminente acquisizione della Sampdoria da parte dello sceicco. L’emiro Tamim bin Hamad Al Thani (la massima autorità politica del paese, che aveva letto il discorso di saluto prima di Qatar-Ecuador, ndr) ha appoggiato con convinzione e fino in fondo i nostri sforzi. Ci ha fatto sapere che interverrà, venendo personalmente a Genova, alla presentazione del nuovo corso blucerchiato. Ovviamente assieme allo sceicco Faleh Khalid Al Thani che si è impegnato nel deal”. Durante la cena seguita alla lunga riunione di lavoro sono stati definiti i particolari tecnici del finanziamento che verrà erogato da un pool di banche. I 40 milioni andranno sul conto escrow, permettendo di proseguire l’iter di acquisizione del club blucerchiato, che verrà completato con una rapida confirmatory due diligence (con l’esclusiva concessa dal trustee Vidal) e quindi le firme sul contratto di compravendita della Sampdoria, dal trust allo sceicco. Ancora Di Silvio: “Ci muoveremo velocemente e faremo al più presto le mosse per ripatrimonializzare il club (i 30 milioni dell’aumento di capitale, ndr) e rafforzare la squadra sul mercato di gennaio. Vialli e Bonetti sono da tempo al lavoro per trovare i calciatori adatti”. Di Silvio è stato il motore dell’intera operazione, ha convinto lo sceicco a puntare le proprie attenzioni (e una consistente dotazione di denaro) sulla Sampdoria. Ha raccontato che alcuni mesi fa si era fatto sotto il Crystal Palace, squadra della Premier League inglese in cerca di un nuovo azionista. “Ma noi abbiamo preferito l’Italia, Genova e la Sampdoria, una società gloriosa, che tutta la famiglia Al Thani, non soltanto sceicco, intendono riportare ai vertici del calcio”. Stabilito che i giochi sono fatti e che lo sceicco sarà il nuovo proprietario della Sampdoria, che eviterà quindi di affondare nel mare di debiti che la minaccia, va chiarito un punto a proposito dei fondi di investimento sventolati da qualche sbandieratore a suon di “sarebbe” “parrebbe” “dovrebbe” (un espediente per mettere un po’ di pepe nella minestra araba?). Qualora l’offerta di uno di questi fondi pervenisse in tempo utile per salvare la Sampdoria (ovvero entro un mese, il 16 dicembre si devono versare 31 milioni di imposte) non potrebbe essere inferiore alla somma fissata per i due concordati dal tribunale di Roma: 33 milioni di euro. Questa offerta dovrebbe pareggiare non soltanto i 33 milioni fissati dal tribunale fallimentare di Roma ma anche i 40 milioni dell’offerta a suo tempo presentata dallo sceicco e accettata dal trustee Vidal. Lo dice la legge e lo conferma Vidal (il quale smentisce che un qualsivoglia soggetto sia presente in data room). Lo suggerisce pure il semplice buonsenso. Se il trustee accettasse un’offerta inferiore a quella fissata dal tribunale danneggerebbe i creditori delle due società in concordato di Ferrero. No way insomma. Ma a questo punto è pura teoria. I giochi sono fatti.
  5. Gianla

    mondiali 2022

    No, é quello che intendevo: a livello sportivo e meritocratico non é assolutamente giusto. Lo capisco solo in ottica di portare un po’ di spensieratezza a nazioni che vivono climi pesanti oppure situazioni di povertà
  6. Gianla

    mondiali 2022

    È anche vero però che ai Mondliali dovrebbero esserci le squadre più forti, quindi tenere fuori nazionali che lo meritano per vedere dei dilettanti solo perché facenti parte di un altro continente è discutibile. E dico che è discutibile e non direttamente che è sbagliato soltanto perchè i continenti economicamente più forti sono agevolati e perché il calcio è un veicolo sociale straordinario, qui da noi ma ancor di più nei paesi più poveri
  7. Ci conoscemmo a fuori da San Siro nel 2012, alla prima trasferta dopo il ritorno in serie A, eravamo 2 macchine piene. 5 di noi non poterono accedere allo stadio e tu ci raggiungesti con una dozzina di birre, rigorosamente calde. Poi ci siamo visti altre volte, non tantissime, ma sono covninto che mi riconoscerai 😂
  8. Non è un momento semplice per Dejan Stankovic, che sta affrontando grosse difficoltà da quando è diventato l'allenatore della Sampdoria. Il mister blucerchiato, però, sa di potersi risollevare. Merito di grandi allenatori avuti in passato: "Partirò da un presupposto: ho sempre avuto grandissimi allenatori in carriera, capaci di risvegliare dentro di me qualcosa che non pensavo di avere. Da loro ho capito che la carriera di un calciatore è bella, ma breve. Una quindicina d’anni, più o meno. Dunque non voglio vedere i miei ragazzi arrabbiati con il mondo, dobbiamo immaginare di essere a teatro" ha detto a La Gazzetta dello Sport. "La bellezza di questa professione e la fortuna di svolgerla si percepiranno appieno solo quando loro vedranno il sipario dall’altra parte. Domandandosi magari il motivo per cui hanno perso troppo tempo dietro a cose non importanti. È lo sport più bello del mondo, sono pagati per farlo. Perché buttare energie in un altro modo?". SAMP SCELTA GIUSTA? "Assolutamente sì. Ma, prima, voglio ribadire che sono convinto tutt’oggi di avere fatto la scelta giusta venendo alla Samp. Conoscevamo tutti i problemi esistenti e ho accettato in totale consapevolezza della situazione. La pausa viene al momento giusto. Resettiamo, sperando poi di rinforzarci. Mai pensato di lasciare, non è nel mio dna. Con quelle parole volevo stimolare tutti a credere di più in se stessi. Non è possibile che dopo un episodio negativo subentri un blocco totale. Bisogna recuperare autostima, il ritiro servirà anche a questo. L’anno scorso sono andato ad Antalya con la Stella Rossa, eravamo a -5 dal Partizan. Dopo la sosta non abbiamo più perso una gara vincendo il titolo con 2 punti sulla seconda. Questa è storia". AUTOCRITICA - "Eravamo partiti bene a Bologna, con la Roma è arrivato il gol su rigore in avvio, poi a Cremona la squadra ha saputo soffrire e alla fine ci ha aiutato la fortuna, anche se quella devi guadagnartela. Con il Toro, due gol subìti da evitare, così l’autostima scende. Per la gara con il Lecce faccio autocritica: forse ho caricato troppo il gruppo. Non era la cosa giusta investirlo di una responsabilità così grande in una gara non decisiva per retrocedere, né per salvarsi. Pensavo di dare una scossa, vincendo saremmo andati in vacanza sereni. Non faccio promesse, ma so che con l’aiuto dei miei collaboratori, del presidente Lanna e del CdA riusciremo a migliorarci». CONTESTAZIONE - "Mi ascolti: a questa tifoseria do e darò sempre voto 10. Ho percepito da parte loro un sostegno profondo. Ma è giusto che dopo tanti passi falsi loro contestino e si rivolgano a noi dicendo quello che pensano. Non è un dramma. Pensiamo solo a ripartire più forti che mai. Le colpe vanno divise. Aggiungo che abbiamo preso gol strani, ma senza trovare mai una squadra che ci abbia davvero “sfondato”. Poi sono mancati i gol dell’attacco, ma ne abbiamo subiti alcuni strani, da palla ferma, da nostre palle perse. Soprattutto, però, non si può andare subito giù moralmente" TOP CLUB - "Tutto vero quel che dice del mio passato. Guardi, però, che per me è un top club anche la Sampdoria, anche se in una situazione che non merita e difficile da accettare. Sappiate che per me la salvezza da raggiungere quest’anno vale quanto un titolo. Certo, ci vorrà un’energia diversa, forse non sono uno specialista in queste situazioni, ma ho già fatto click dentro di me e lo dimostrerò. Il mio scudetto sarà rimanere in Serie A. I giovani? Ho puntato su quelli che stavano meglio in quel momento: da Rincon, un guerriero di 34 anni contro il Lecce, ad Amione, classe 2002, che avrà pure fatto errori normali per un giocatore della sua età, ma dopo essersi rotto il naso, non s’è fatto operare e ha giocato la gara successiva senza mascherina, piangendo dal dolore. Ha capito?». SALVEZZA E RITIRO - "Forse le altre non volano, ma non possiamo restare fermi. La Samp deve sprintare a buon ritmo, magari con un po’ di affanno, ma sempre con lucidità. Sono sicuro che questo ritiro piacerà a tanti, con la doppia preparazione si lavora forse più d’inverno che in estate». INCERTEZZA SOCIETARIA - "Talvolta essere diretti può far male, ma qui gli stipendi vengono pagati regolarmente, quindi non devono esistere certe preoccupazioni nei giocatori, anche se poi è normale che uno ascolti le voci. E, comunque, ho piena fiducia che la situazione societaria si risolverà». SCUDETTO – "Qui non è mai finito il campionato, penso all’anno scorso: in ogni caso Spalletti sta strameritando il primato per livello di calcio e intensità. La mia non è una gufata. Una squadra top, il Napoli, a livello mondiale. Però ora stanno arrivando Milan, Juve e Inter che aspettavamo fra le protagoniste. Può succedere ancora di tutto».
  9. Gianla

    Cessione

    Comunque la situazione, per quanto complicata è abbastanza semplice: ci sono persone vere, esistenti e che ci hanno messo faccia e nome che stanno portando avanti una trattativa che ad oggi risulta essere composta solo di documenti non sufficienti, dichiarazioni e qualche tweet anzichè, come sarebbe necessario, a suon di bonifici. Quindi in realta stiamo discutendo del nulla perché probabilmente la pensiamo anche tutti allo stesso modo, sposando però tesi e punti di vista diversi
  10. Gianla

    Il Presidente

    oppure qualcuno ha cominciato a dargli addosso da subito senza nessun motivo reale (o meglio, per nessun motivo di quelli poi ufficialmenete esposti) ed adesso trae vantaggio da una situazione che gli ha dato una parte della ragione
  11. Gianla

    Il Presidente

    ecco qua mi sentoi di aprire un'altra parentesi: quando scriviamo che è virgolettato, non vuol dire niente, non abbiamo coscienza della deriva che ha preso il giornalismo ad oggi Pure sulla veridicità dell'ANSA mi sto ricredendo, visto e considerato che settimana scorsa ha rilanciato la notizia con la foro dello strisicone con scritto INDEGNI appeso a bogliasco 9 anni fa
  12. Gianla

    Il Presidente

    risposta di Lanna a Ferrero, non conosco la fonte, mi è arrivata su Whattsapp Marco Lanna, presidente della Sampdoria dal 23 dicembre 2021, si è trovato inopinatamente tra i "bersagli" del predecessore Ferrero, intenzionato a rientrare alla guida della società non appena scaduta l'interdizione annuale, disposta dal gip di Paola in merito all'inchiesta per bancarotta fraudolenta e altri reati societari. Di fronte alla prospettiva del ritorno del viperetta, la tifoseria è insorta promuovendo un'assemblea pubblica davanti alla Sud, sabato 26 novembre, con un comunicato in cui tra le altre cose si ricorda alla famiglia Garrone-Mondini la colpa di aver messo un bene amato da molta gente nelle mani di un personaggio come Ferrero. La sortita di Ferrero al Secolo XIX di ieri è stata accolta dal presidente e dal suo staff con perplessità. Di là dagli appelli alla pacificazione e all'unita - sono i ragionamenti informali che circolano a Corte Lambruschini - con poche parole il viperetta ha messo tutti contro tutti, gli altri s'intende. Lanna descritto come una sua "creatura" che lo andava a incontrare a Milano, Garrone elogiato e quindi messo in ulteriore difficoltà coi tifosi, gli stessi sostenitori che vengono blanditi ma esposti all'ambiguo riferimento alla presunta neutralità, se non simpatia, ottenuta ai tempi della lotta alla tessera del tifoso. Presidente Lanna, lei una creatura di Ferrero? "La mia nomina mi è stata proposta da un interlocutore diverso, dopo di che ho parlato con altre persone della dirigenza, non con l'ex presidente. In quella fase mi si intendeva affidare un mandato, a me e agli altri consiglieri, fino a giugno con la rassicurazione che entro quel termine la società sarebbe stata ceduta. Tutt'al più c'è stato, come la legge prevede, l'avallo della proprietà rispetto alla nostra nomina. Ma aver dato un avallo non vuol dire assolutamente che "mi ha messo lui". Secondo il suo predecessore, la situazione del club sarebbe peggiorata durante la vostra gestione. "lo e gli altri consiglieri abbiamo trovato una situazione già deteriorata. Non avendo finanza esterna, perché l'azionista non ne dispone e non poteva fornirci capitali propri, abbiamo dovuto chiedere soldi alle banche, che ce li hanno concessi anche in relazione alla rete di rapporti allacciati dal consiglio che presiedo. L'obiettivo non poteva che essere quello di salvare la squadra sul campo garantendone nel contempo l'iscrizione al campionato successivo e ci siamo riusciti" Perché a quel punto non avete lasciato, il famoso 30 giugno? "Perché era ancora in piedi la trattativa con Redstone-Cerberus e non potevamo certo lasciare a metà un lavoro così importante. Quindi, sfumata quella prospettiva di cessione, siamo rimasti in carica sia per assenza obiettiva di alternative, sia per sollecitare il trustee a battere altre piste". Da qui, infatti, la nomina di Banca Lazard come consulente. Quell'incontro a Milano che il suo predecessore le rinfaccia? "E' stata la prima occasione in cui l'ho visto di persona, pochi giorni prima della partita con la Roma. E' stato un colloquio voluto dal trustee Vidal e siccome per legge siamo tenuti a riferire al trustee e agli azionisti cosa facciamo e cosa taremo, sono andato. Quando? Pochi giorni prima della partita con la Roma". Già, la partita con la Roma. Lui dice che tutti sapevate del suo arrivo. "Tutti non so, io sicuramente da una telefonata che ho ricevuto mentre ormai stava salendo le scale ed era quasi alle mie spalle. lo mi sono preoccupato subito per gli sviluppi di ordine pubblico, se gli ho stretto la mano è perché sono una persona educata. Ma per quel che ne so, nessuno è stato avvisato per tempo e infatti è entrato senza alcun titolo per farlo". Non pensa, specie alla luce della sortita del suo predecessore, di dimettersi? "Ci penso da giugno. Se non le ho rassegnate è perché, date le condizioni, sarebbero un danno enorme per il club. E io la Sampdoria la amo, ero tornato da vecchio giocatore a cercare di salvarla dalla retrocessione in C, ma questa missione di oggi è davvero la cosa più difficile della mia vita. Non è detto che non mi dimetta, specie se dovessero venire meno le condizioni alle quali avevo accettato la nomina. Però resisto, anche se la mia vita è cambiata, la famiglia e i figli sono il momento di stacco, ma devo viverlo senza portarvi la tensione che accumulo sul lavoro e a volte non ci riesco".
  13. Gianla

    Cessione

    A qualcuno risulta che le squadre di cui sopra siano sull'orlo del fallimento? Oppure giocano vincono gli scudetti e comprano giocatori per centinana di milioni di euro? Chiedo, perchè magari sono impazzito ma tutta sta storia dei debiti mi ha rotto i coglioni in maniera invereconda e non mi capacito del motivo per cui non abbia risposto con uno schiaffo a tutte le persone che in questi ultimi mesi mi hanno parlato di società indebitata come fonte di tutti i mali dell'universo Servono i cazzo di 40 milioni, gli altri sono debiti normali per una società di calcio, ma che in questo momento nostro di debolezza rendono le banche dubbiose a proposito delle garanzia quindi o qualcuno mi spiega dove sbaglio in modo e maniera che lo possa capire oppure per favore basta scrivere che chi si compra la Sampdoria si accolla i debiti da qui ad Adamo ed Eva, perchè allora i tresette sono dei fessi cosi come tutti gli acquirenti delle società di serie A (Milan, Fiorentina, Atalanta e tutte le altre oggetto di compravendita negli ultimi anni)
  14. Gianla

    Cessione

    mia ipotesi: Di Silvio è un coglione a prescindere dall'esistenza di sceicchi e trattarive ma ora visto che ho una spalla lussata e parecchio nervoso non sfogabile ne tramite attività sportiva ne tramite masturbazione perchè chiaramente la spalla è la destra, ecco qua una simpatica ed irriverente classifica di debiti (Giugno 2021) per chi lo mena con i cazzo di debiti della Sampdoria andando avanti come un cavallo con dei paraocchi grossi come i miei coglioni in questo momento: (qualcuno potrebbe addirittura dire ACCIDENTI o CASPITERINA) Inter – 698,1 milioni di euro Juventus – 611 milioni di euro Roma – 523,4 milioni di euro Lazio – 204,4 milioni di euro Milan – 157,1 milioni di euro Genoa – 152,8 milioni di euro Parma – 139 milioni di euro Napoli – 135,5 milioni di euro Udinese – 106,1 milioni di euro Sampdoria – 104,8 milioni di euro Sassuolo – 88,1 milioni di euro Bologna – 82 milioni di euro Cagliari – 77,3 milioni di euro Torino – 67,6 milioni di euro Atalanta – 60 milioni di euro Fiorentina – 57,8 milioni di euro Verona – 45,5 milioni di euro Benevento – 30 milioni di euro Spezia – 15,4 milioni di euro Crotone – 10,1 milioni di euro
  15. Gianla

    Il Presidente

    Va gia bene che non ero presente ieri nei momenti concitati della discussione perchè non avremi affatto mantenuto la calma. Scrivere qua sopra, cosi come su facebook o su un muro o sul diario o su un post it non serve a un cazzo Ammazzare di pattoni ferrero o garrone per quanto affascinante possa essere la prospettiva non serve a un cazzo L'unica cosa che può salvarci è avere 40 mln quindi se qualche sampdoriano giustamente scoglionato (perchè che ci siamo rotti il cazzo TUTTI QUANTI è un dato di fatto) o chi per esso avessero tale disponibilità economica li invito a rilevare la Sampdoria, invece di fare proclami o raduni che in fin dei conti non servono ad un cazzo
  16. Gianla

    Harry Winks

    La cosa che mi h a fatto più incazzare nell'ultima settimana è stato il tuo annuncio sull'operazione, ora io faccio altro nella vita, ma se posso permettermi questo sfogo, porca la tua puttana, potevi pensarci prima, qualsiasi siano stati i motivi
  17. E pensare che mi sembrava stessimo facendo qualcosa in piu del solito, fino al gol loro PS: aveta voglia a dire che "le giochiamo per pareggiare" giochiamo per non prendere gol ma siamo innocui davanti, che è diverso dal giocarla per pareggiare Ragazzi, va di moda essere incazzati, si prova orgoglio a vedere le immagini del pulman bloccato allo stadio: li leggete i vari commenti su Facebook? "se lo meritano" "troppoi poco" "avete fatto bene siete una tifoseria che non merita questo, saluti da Bari" Io provo vergogna quando succedono ste cose, mentre in gradinata sento dire "il momento più bello è stato da quando ci siamo girati in poi". Non lo so, so solo che quello che è successo alla fine è stata una delle pagine più nere che io mi ricordi allo stadio: squadra che mi mette vergogna + gradinata che (solo in quel frangente) mi ha messo vergogna. Avevo la sensazione di prendere schiaffi da destra e da sinistra
  18. occorrerebbe eliminare il messaggio in se. Il tasto spiler esiste ma chi ha postato la tizia non lo ha utilizzato. Se posso dire, le prossime 2 immagini postate in quella discussione faranno sparire quell'anteprima (che comunque è simpatica dai come puo non metterdi di buon umore vedere tale esemplare accostato a tali colori?)
  19. Vola, avrei da scriverti centinaia cose a riguardo, ma da qualche anno abbiamo preso la decisione di non commentare le cose dei gruppi su questo forum, ed onestamente sono sopreso dal fatto che tu non ne conosca i motivi
  20. Gianla

    Cessione

    Seconhdo me se fai un tuffo in mare poi esci che sei bagnato.
  21. Gianla

    Il Presidente

    Criscitiello aggiunge che è pronto a ritornare al timone per raddrizzare la stagione
  22. Il messaggio di Erreci si riferisce al fatto che quello “striscione” é stato messo 9 anni fa ed utilizzato adesso da quei cani malati di giornalisti
  23. non cambia il succo tra scientemente e scientificamente, in entrambi i casi dici che lo ha fatto apposta, quindi ora siamo a 3 e continuo a non capire come fai ad esserne così sicuro. isteria nel additare un calciatore di aver voluto saltare apposta una partita importante perché "non ha i coglioni per giocare una partita da uomini"
  24. una volta ok, ma se lo ripeti e mi ci aggiungi SCIENTIFICAMENTE allora mi devi anche dire da dove trai queste certezze perchè va bene essere incazzati ma l'isteria non serve a un cazzo di nessuno
  25. sinceramente, non direi questo, credo rientri nelle dinamiche di confusione e appannamento in cui si trovano quasi tutti non sono ne fernomeni ne grammi, se avete mai giocato a calcio sapete anche voi cosa vuol dire entrare in un circolo negativo e le sensazioni che questo comporta al momento dell'ingresso sul campo
×
×
  • Create New...