Jump to content

labbrodinovisad

Moderators
  • Posts

    9,242
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    573

labbrodinovisad last won the day on April 18

labbrodinovisad had the most liked content!

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

labbrodinovisad's Achievements

Grand Master

Grand Master (14/14)

  • Conversation Starter
  • Reacting Well
  • Dedicated
  • Posting Machine
  • Collaborator

Recent Badges

7k

Reputation

  1. Come ricorda l'Unione Calcio Sampdoria sui suoi social, oggi Trevor avrebbe compiuto 70 anni
  2. abbiamo una tradizione pesantemente negativa a Spezia. sarebbe il momento giusto per sfatarla FORZA MISTER FORZA RAGAZZI FORZA SAMPDORIA
  3. belin, noi in B e loro in A è un evento che ha la frequenza della cometa di Halley.. grazie al cazzo che c'è l'esibizionismo 😄 che poi sono esibizionisti già di loro, perchè è il loro modo per provare al mondo (che non se li caga manco con la purga) che esistono anche loro esempio scemo, ma neanche troppo: guardate quanti ristoranti topi fanno gli scienziati col blurosso e magari menandolo pure ai doriani, e confrontatene il numero con quanti ristoratori doriani fanno la stessa cosa poi mollate un attimo i ristoratori, e considerate invece gli strimpellatori, i guitti che vorrebbero far ridere, i politici, i pennivendoli, ecc ecc
  4. quella della sampdorianità di Sessarego, che di Paolo Mantovani e Claudio Nassi disse che erano come Hitler e Mussolini, e che di Enrico Mantovani il peggio del peggio, mi pare una leggenda metropolitana. Ma tant'è
  5. Timossi su Telenord Quelli del Waterfront posso diventare la Third Way? La storia del “nuovo” stadio Luigi Ferraris sembra a un punto di stallo, invece può procedere verso una svolta, può essere che da incomprensibile diventi realizzabile. Dal Waterfront alla Third Way , per dirla un po’ alla Bucci, in un inglese più maccheronico rispetto allo slang del sindaco, significa che per ridare un nuovo stadio alla città di Genova, a Genoa e Sampdoria (in ordine rigorosamente alfabetico), al calcio italiano e magari anche a quello europeo, si possa chiedere l’intervento di Cds, la holding che con il disegno di Renzo Piano ha realizzato quella che si può definire la maggiore operazione di trasformazione urbana in città dal 1992. Insomma, quelli del waterfront di Levante. L’idea della “terza via” sembra prendere piede più o meno una settimana fa, diventa per alcuni più evidente quando oggi il sindaco di Genova Marco Bucci e il vicesindaco Pietro Picciocchi prendono atto e ringraziano per le integrazioni al progetto ricevute da Genoa e Sampdoria, non interrompono affatto il dialogo, ma fanno presente ai vertici rossoblù e blucerchiati anche altro. Ipotizzando eventuali soggetti terzi che potranno essere ascoltati, da qui in avanti, per l’acquisizione e la ristrutturazione dello stadio. Ecco la terza via, che non è in questo caso il “soggetto terzo” ma piuttosto un’idea, un progetto tutto da costruire. Sullo sfondo l’Europeo 2032 e la necessità di rispettare i tempi richiesti perché anche Genova possa presentare al ministro dello Sport Abodi la propria candidatura. Dunque è anche una questione di tempi, ma forse è legittimo pensare (senza eccedere in un inutile buonismo) che tutte le parti in causa provino a fare del proprio meglio, nella volontà di dare a Genova un nuovo e moderno impianto, senza certo tralasciare che la vicenda non vola proprio alla velocità di un Concorde, aereo che peraltro cessò i suoi servizi nel 2003, 13 anni dopo l’ultimo restyling radicale del Ferraris. Il Genoa dei 777 è partito a razzo, ha presentato al Comune un progetto costato pare molte centinaia di migliaia di euro (circa 800.000 stima non ancora ufficiale), affidando la trasformazione di idee in progetti allo studio Penaranda. Più recentemente la Sampdoria ha parlato di un proprio progetto con la consulenza dello studio Zoppini, il Comune ha chiesto invece di mettere in campo una newco che sarebbe stata definita, con una partecipazione delle due società al 50 per cento, ma in realtà non è ancora costituita formalmente. Va bene che il tempo stringe, ma la materia è comunque delicata, in fondo Guareschi direbbe che si tratta di un matrimonio tra Peppone e Don Camillo. Questo ultimo passaggio, l’assenza di una società unica già pronta a operare, non fermerebbe il progetto, ma potrebbe rallentarlo, con l’idea che da Roma possano intendere questo rallentamento come una scarsa volontà di proporre con forza anche la candidatura di Genova per Euro2032. Ecco allora la “terza via”, che significa che potrebbe venir coinvolto chi sta riconsegnando alla città, ovviamente per legittimo profitto, il Palasport e il waterfront. Sia chiaro, fin qui nessuna richiesta ufficiale da parte del Comune, ma è certo qualche contatto informale. Sia chiara un’altra cosa: non è stata la holding Cds a farsi avanti ed è quasi certo che non lo farà, almeno se non verrà individuata la possibilità di costruire un progetto credibile e soprattutto capace di far felice un po’ tutta la città. Per rendere più chiara la cosa e anche un po’ meno retorica: il progetto deve essere condiviso e piacere a Genoa e Sampdoria, essere funzionale per il grande calcio, ma anche per gli appuntamenti della città di Genova. Quelli del Waterfront, chiamiamoli così, hanno dimostrato al sindaco del fare di saper fare. Ma anche per loro il progetto stadio di Genova è un’operazione ancora tutta da costruire e alcune domande chiave restano ancora aperte: chi deve comprare lo stadio? A chi andrebbe rivenduto? Si può fare un’operazione a credito, magari inserendo nell’operazione una di quelle strutture alberghiere extralusso che a Genova mancano? Domande in cerca di risposte, rapide, ovviamente.
  6. Ma ste merde non vedevano l'ora fallissimo... preoccupati di che? Ma poi un preoccupato non lo mena a Manfredi "I soldi ce li hai o no?" , visto che salvarci e fare sta stagione gli è già costata 70 milioni
  7. Vediamo quanti sono i dorioti però che ci beccano a ste stronzate... PS: oggi Sess ha almeno la scusante dell'età. Ma un merda lo è sempre stato. Che poi blateri di Paolo Mantovani , di cui scrisse peste e corna ad inizio della sua presidenza , fa veramente girare i coglioni
  8. copiaincollo le "sassate" di Sessarego, che ho scoperto aver trovato casa pure lui a Telenord (assieme a Rissetto!!) «Sampdoria al dunque, deve essere sempre al dunque ma non c’é mai non arriva mai. E questa rischia di diventare, se non lo è già diventata, una situazione molto fastidiosa. Manfredi ce li ha i soldi per liquidare finalmente il Viperetta? Il dubbio è più che lecito perché non si tratta di cifre mostruose, c’è una situazione ingarbugliata ma la giudice ha già deciso: ora basta andare avanti e rinviare, se no decido io!». «Decide lei come? il problema è che si va avanti di nuovo, si va avanti indubbiamente fino al ridicolo perché qui non stiamo parlando di cifre tali per cui Manfredi ce li ha o no i soldi? Se li ha la faccia finita, li metta lì, il Viperetta non aspetta altro perché è venuto qui per fare i soldi, non c’è ancora riuscito se non parzialmente, se gli dai un po’ di soldi scappa e va a vedere se riesce a mettere su un’altra squadra». Ha poi continuato affermando che: «Questo ne ha fame e allora delle due l’uno: o gli dai da mangiare o non la finiamo più. La Sampdoria non merita questo. Una società che è stata quella che è stata la Sampdoria campione d’Italia, quella che è stata la Sampdoria in Europa, quella che è per il modo anche sempre piuttosto elegante di risolvere le proprie situazione sia che sia nel momento in cui ci sono i soldi. Lasciamo stare i tempi di Paolo Mantovani perché quelli erano la fine del mondo ma normalmente ci sono o non ci sono quindi signori miei bisogna decidere perché se ci sarà un altro rinvio io non lo so’ come andrà a finire…».
  9. così Matteo Angeli su Primocanile Scaduto oggi ll secondo ultimatum che il sindaco di Genova Marco Bucci aveva dato a Genoa e Sampdoria per la costituzione di una società comune in grado in acquistare il Luigi Ferraris e poi dedicarsi alla sua ristrutturazione. Ma anche oggi i due club hanno chiesto ancora tempo per permettere ai rispettivi legali di sistemare tutti i dettagli. C'è chi invece fa sapere che non ci sarebbe l'intesa totale e che quindi al momento è difficile si trovi in tempo utile. Dopo il primo rinvio del 5 aprile, che obiettivamente era una data difficile da rispettare, i club avevano inviato una pec che nella quale veniva spiegate i motivi del ritardo e chiedevano ulteriori 10 giorni scaduti ieri sera a mezzanotte. Il sindaco Bucci che vuole provare a battere la concorrenza e far diventare il Ferraris uno degli stadi sede degli Europei del 2032, non si è ancora espresso ufficialmente ma da fonti vicine al Comune trapela la volontà di interloquire anche con altri soggetti. Sarebbero infatti già arrivate manifestazioni di interesse di altri soggetti con Genoa e Sampdoria che diventerebbero affittuarie. La telenovela continua.
  10. tra l'altro, e mi dispiace davvero, è appena arrivata la notizia dell'esonero di Iachini
  11. fondamentale rialzare subito la testa e provarci sino in fondo, in culo ai tanti che non aspettavano altro che uno scivolone Forza Mister Forza Ragazzi Forza Sampdoria!!!
×
×
  • Create New...