Jump to content

Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation since 03/23/2020 in all areas

  1. 3 points
    Se posso permettermi un commento in una giornata più infausta di altre, pensino a risolversela fra di loro e a non chiedere finanziamenti allo Stato. Non è proprio il caso. Gli avvocati possono lavorare ed i commercialisti pure, per tutte le società. Si diano da fare e non rompano i coglioni, perché la gente se li sta frantumando giorno dopo giorno siccome non vede la luce, neppure dopo il tunnel.
  2. 3 points
    Siamo al 23 febbraio. Quattro giorni dopo la partita di Champions Atalanta-Valencia a San Siro, dove 45mila tifosi hanno accelerato l’effetto domino del coronavirus. All’ospedale Pesenti Fenaroli di Alzano vengono accertati i primi due casi bergamaschi. Se non entrambi, uno è passato di sicuro dal pronto soccorso. Il riverbero della paura che si è accesa il 21 febbraio nell’altro focolaio, Codogno, spinge la direzione sanitaria a chiudere l’ospedale. Si suppone per sanificare e creare una safe zone dedicata ai ricoverati per il virus. Così non è. L’ospedale riapre poche ore dopo. Passa qualche giorno e si scopre che diversi medici e infermieri sono positivi e sintomatici. Si ammaleranno in tanti: primario, medici, infermieri, barellieri. E ovviamente — è facile ipotizzare — molti di quelli che sono passati dall’ospedale. Ma il particolare più interessante è del 12 febbraio. Un abitante di Villa di Serio racconta a Bergamonews che quel giorno la madre viene ricoverata ad Alzano per uno scompenso cardiaco. Nove giorni dopo muore.«È il 21 febbraio. Le infermiere quel giorno entravano nelle camere con mascherine protettive di quelle poi distribuite per il coronavirus. Forse all’ospedale sospettavano del Covid-19 già da qualche giorno». La camera ardente viene allestita nella chiesina di San Lorenzo. «C’era moltissima gente, si abbracciavano. Per giorni, nonostante il numero dei morti crescesse, assembramenti e contatti sono proseguiti». Le due settimane tra il 23 febbraio e l’8 marzo (quando arriva il secondo Dpcm per arginare il contagio). Da qui inizia il dramma, sostenuto dal mancato stop alla produzione industriale e, soprattutto, dalla cultura del lavoro e della logica del profitto che sta alla base della regione più produttiva e più ricca del Paese. Certo è che se non si fosse giocata quella partita .....
  3. 2 points
    RISPETTO ANCHE PER IgG e IgM
  4. 1 point
    Coppie come Montella Mancini, Gullit Mancini, Chiesa Mancini arrivavi al massimo nelle prime 4, incredibile a pensarci adesso
  5. 1 point
  6. 1 point
  7. 1 point
  8. 1 point
    Ormai ne sono certo: tanti nel mondo del calcio hanno perso definitivamente il senso della realta'. Io mi auguro, ma saro' smentito, che una delle conseguenze di questa tragedia sia il ridimensionamento radicale del mondo pallonaro. Un ritorno a livelli piu' normali e eticamente piu' accettabili di quello che e' stato negli ultimi anni. Lo so che probabilmente e' una mera illusione, ma sperare, in tempi bui, non costa nulla. Un abbraccio virtuale (sia per la distanza, sia per le regole di prevenzione...😉) dal Brabante, che e' sulla strada per diventare la Lombardia d' Olanda. #Andratuttobene.🇮🇹
  9. 1 point
    L'ottimo Basso Damiano ci fa sapere che per la Sampdoria il danno economico dell'epidemia potrebbe aggirarsi tra i 4 e 30 milioni, mentre il suo collega genuota ci dice che per il CFC il danno ammonterebbe a 3.5 milioni Ecco quindi che Samp & Doria è a rischio fallimento, mentre il glorioso CFC se ne può battere il belino di COVID e pandemia Direi che sono insuperabili
  10. 0 points
    La terra ti sia lieve sentite condoglianze alla famiglia Mantovani https://www.sampdoria.it/cordoglio-blucerchiato-per-la-scomparsa-di-filippo-mantovani/
×
×
  • Create New...